Ms. Ricci 1080-2/Bell'in'orde appaeggiè

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Ms. Ricci 1080, sec. XVIII
Bell'in'orde appaeggiè
[p. 20v modifica]
Nel medesimo soggetto


1.
Bell'in orde appaeggiè
e piccozze emmo con nuoì
e re legne ch'haveì vuoì
sotto nuoì son ben schiappè.

2.
Ben trovemmo a fireura
à ra legna ch'emmo sotta
bell'à miezo a schiappeura
semmo dà botta per botta
e ra nuoette spessa votta
ben schiappemmo senza veì.

3.
Coe d'oeggio hemmo si finne
che dre legne, che schiappemmo
e schiappeure picceninne
ò che streite ben trovemmo
puoè schiappando i allarghemmo
si che ben ve son schiappè.

4.
Legna non è, che ben non schiappe
ra piccozza, ch'overemmo
ne guastando muoè re schiappe
che buoin corpi, e giusti demmo
e buscaggie non fassemmo
che se perdan per a strà

5.
Ma schiappando ro stoppin
se bagnemmo quarche votta
se dro vostro dose vin
ne dè solo unna lampotta
da puoeì fase unna suppotta
che n'accresce forza assè.

6.
Ni ve creì che d'abezij
all'inverno ne schiappemmo

[p. 21r modifica]

che ri membri arrenzenij
per natura destendemmo
e si forte lavoremmo
che semmo despoggiè

7.
Sempre miegio ca vestij
despoggiè schiappemmo ben
per che ciù semmo spedij
da puoeì ben menà re muoen
pu schiappando se conven
ben vestij, e despoggiè

8.
Con ra testa à ro men nua
d'ogni tempo ben schiappemmo
per che zù sempre a ne sua
fin che sotta e legne havemmo
ni berretta tegnì puoemmo
c[']a ne cazze sempre muoè

9.
Hemmo longhe, e gren piccozze
con i ferri aguzzi, e fin
ni à schiappà re legne grosse
ghe buzuegna[sic] piccozzin
ch'han ri ferri piccenin
m'han piccozze smezzuè.

10.
D'intra legna forte, e dua
se cognosce un ferro bon
che se torzan per natua
se ri ferri tristi son
e intre legne intrà non pon
se son torti, ò morzigiè.

11.
Se l'è vegio, e tristo assè[1]
come l'hommo un poco schizza
ro veì storze, e romorchià[2]
ne si tosto puoè se drizza

[p. 21v modifica]

che à vuoì donne mette stizza
che intro bello seì lasciè

12.
Ogni zeppo ben schiappemmo
ch'emmo connio si fin
ch'intrà tutto ro femmo
come n'intra un pocchettin
che l'è tanto scuggiarin
che o se ficca onde serchè.

13.
Queste accorte zovenette
quando à veì schiappà ne stan
ben ro connio usan mette
dentre legne de sò man
che à nuoì cresce o cuoè fan
se schiappemmo miegio assè

14.
N'aia ancoa quarche votta
à schiappà a figgia caa
si ne porze, e mette sotta
a so legna per schiappara
e lì drita ve l'appara
che falì non puemmo muoè

15.
Presto infin, quando n'aiè
muggi innanti ve ne femmo
nuoì de legne ben schiappè
ch'intra porta ve buttemmo
e in poch'hore ve mettemmo
nuoì de legne in casa assè

16.
Nuoì i ferri ruzenenti
vegnì poco se lascemmo
che schiappando tutti quenti
ben de ruzze i nettezzemmo
per che un'hora stà non puoemmo
che non usemmo ferri tè.

[p. 22r modifica]


17.
Quando troppo ro schiappoù
a sò ferro inderno ten
da ra ruzze o gh[']è mangioù
ma bon l'hommo ro manten
chi ciù l'usa, e l'usa ben
e ne cava fruto assè.

18.
Drizzà sciù re suoè piccozze
questi viegi non pon ciù
tanto ciù quando i han grosse
che re tegnan chinè zù,
ò si poco i assan sciù
che buoin corpi no fan muoè

19.
Schiappan legne si cianin
questi viegi picca cian
che de ferro un pochettin
solamente intrà ghe fan
e sì à fondo ben non van
mà re legne son schiappè.

20.
D'arvì legne d'ogni sorte
ra piccozza nostra basta
ni ghe ansciemmo così forte
ni ra legna à vuoi se guasta
si ro ferro fin all'asta
femmo intraghe sempre muoè.

21.
Ma secondo che da vuoì
triste, e bonne, e legne havemmo
ciù, e men schiappemmo nuoì
e ciù gusto, e manco gh'emmo
che dre bonne chiù schiappemmo
che dre triste, e miegio assè.

22.
Quando sotta legne bonne

[p. 22v modifica]

per schiappà nuoì se trovemmo
come ferle novellonne
ben da cuoè re muen menemmo
ma se triste sotta i havemmo
lavoremmo manco assè

23.
Fin che haveì re legne verde
fà schiappà ve re deì ben
e ro tempo no deì perde
fin che secche, e vegie sen
che à schiappare puoè conven
ch'un schiappoù vuoì strappaghè

24.
Se ben legne verde haveì
quando à nuoì re fè schiappà
attachaghe ro fuoego veì
come son sotta o brandà
e bruxiando zù scorrà
ghe veì sugo in quantitè

25.
Sotta ferle grosse, e drue
vorentè s'usemmo mette
ch'ha schiappà ne gusta ciue
ca re troppo novellette
che si piccine ferlette
guastè son se re schiappè.

26.
Lasciae crescere[3] besuoegna
se novelle troppo son
ch'à schiappare è gran verguoegna
per che tutto vuoè saxon
ma fan spesso come puon
quelli chi han neccessitè

27.
Quando sotta per schiappà
bonne legne infin piggemmo

[p. 23r modifica]

per assase, e per chinà
no ve creì che se stanchemmo
anzi nuoì se reposemmo
se schiappemmo legne tè

28.
Nuoì i ferri grossi, e buoin
de piccozze se trovemmo
semmo poescia zovenuin
che vareisene ben puoemmo
si che ben ve ro faremmo
ro lavò come gustè.

29.
Ne schiappando v'arrobemmo
legne nuoì per o contorno
che d'amò bersaggio semmo
si che havemmo[4] tante freccie intorno
d'ascadave à vuoì ro forno
e bruxià sotto i brandè

30.
Ma hoeggi soli vuoi
donde staghe amò veghemmo
assendeì re freccie à nuoì
che à torno se trovemmo
e un Pareiso nuoì provemmo
dentro o fuoego che vuoi fè.

31.
Questi connij à vuoì cari
solo à ca' se ne portemmo
puoè che ben de mette, e trai
d'intre legne besuoegno havemmo
e ro resto à vuoi lascemmo
se schiappà da nuoì ve fè

32.
Femmo botte infin si degne
se à schiappave nuoi vegnimmo
che ro cuoè non men dre legne

[p. 23v modifica]

dra piccozza ben v'arvimmo
se ben cuoè nuoì ve sentimmo
ciù dre legne duro assè.

33.
Presto e ben schiappemmo nuoì
per che semmo tutti fuoego
si che presto impimmo à vuoì
quella cosa, e quello luoego
donde legne da fà fuoego
sotto ca' vuoì ve trovè.

34.
Ogni donna usa cangià
schiappoù spesso per natua
ma chi à nuoì se fà schiappà
ghe schiappemmo con tà cua
che con nuoì sempre muoè dua
e tent'atri fuoè serrè

35.
Se schiappando chioeve forte
intro portegho v'intremmo
ne schiappemmo sciù l re porte
ch'à ro sciuto se tirremmo
per che in ca' miegio schiappemmo
ca se chioeve per e strè

36.
Dentro o bosco ancon schiappemmo
quando sciuto, e bon l'haveì
si ben ve lavoremmo
che à sentine gusto haveì
però mette ne ghe deì
ch'un per l'atro puoè assè

37.
Dentro bosco presto intremmo
quando bon ve ro sentimmo
ma da puoè che intrè ghe semmo
no ve creì, che se n'uscimmo

[p. 24r modifica]

che schiappando no compimmo
ro lavò che desiè

37.
Ben re legne d'ogni menna
dentro bosco ben schiappemmo
ni ve creì, che sciù ra schenna
d'atri muoè re carreghemmo
se portare in brazzo puoemmo
nuoì re legne che schiappè.

38.
Se vorreì che per o forno
quarche fascio ve fassemmo
monto ben streito d'attorno
presto, e ben ve ro faremmo
s'intro bosco nuoì v'intremmo
donde à faro semmo usè

39.
Dentro bosco femmo à vuoì
dri buoin fasci streiti insemme
e duoì fasci ogn'un de nuoì
portà s'usa à casa assemme
ni ra testa chinna semme
che non sen descarreghè

40.
Se ben dà tanto da fà
un dri boschi c'haveì vuoì
che à diexe hommi, o no basta
un ghe basta ogn'un de nuoì
che un de nuoì fa ciù de lavoì
che mill'atri, e miegio assè

41.
Se à ro mazzo pre aventura
dentro bosco ve schiappemmo
quando in sugo è ra verdura
quarche riscigora ve femmo

[p. 24v modifica]

e in man puoè ve ra demmo
per che un poco scigorè.

42.
Vuoì che boschi grendi haveì
scuri, e grandi spaventosi
remondà fà ne ri deì
ch'usan staghe dentro ascosi
animè sì vennenosi
ch'arrovinnan gente assè.

41.
Quando un bosco è porròu tutto
solo à veiro o ne dà doeggia
che gragnoera, ò tempo brutto
ben ro peira, e ro despuoeggia
ma coverto dra sò foeggia
novelletta, o gusta assè.

42.
Quando un bosco è pin de bratta
de lavaggio, d'egua, e nitta
ro schiappoù tutto o l'imbratta
e de sorte o ro desvitta
che ghe ven ro bosco in gritta
se schiappà ghe ro lasciè.

43.
Donca vuoì che ve sentì
bosco brutto, e sì bagnoù
ben serroù ro deì tegnì
finche dentro o sè sciugoù
che se gh'intra ro schiappoù
per schiappaghe, l'amorbè.

44.
E pù vuoè quarche mincion
dentro o bosco vosco intrà
quando o scora dentro ancon
fà ghe deì ro pè menà
e in derè ro deì mandà
ben che o n'aggie voeggia assè.

[p. 25r modifica]


45.
Ben schiappemmo, e vorentè
intro bosco sciuto, e bon
ma savemmo mette pè
dentro o brutto in concrusion
ch'inscì netti non ne pon
i schiappoeì ch'intrà ghe fè

46.
Ro bon bosco in fin ne pà
un Pareiso piccenin
si ne fa presto drizzà
per intraghe à ra mattin
e re muoen da Palladin
ghe menemmo che gustè

47.
L'hora è tarda se ben vuoì
tosto ancora fè parreì
con ri vostri cieri soì
che fan giorno donde seì
se fà donca ve vorreì
schiappa legne ciù non stè.

48.
Se arvì boschi ne vorreì
n'aspietè che ascose sen
re gran luxe ch'aora veì
che ra nuoette presto ven
e si tardi non conven
ch'intri boschi entrà ne fè.

49.
Ve farremmo fasci ancoa
nuoì de groia, e veri honuoì
dentri boschi da tutt'hora
se arvireì re porte à nuoì
che d'inzegno hemmo per vuoì
gran piccozze appaeggiè.

  1. foscia "assà"
  2. cfr. "E in voi i'arme d'Amò remorchiè son"
  3. foscia "cresce re"
  4. megio: "si hemmo"