Rime diverse in lingua genovese/Fuò ra testa de neive ho za fascià

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Rime diverse in lingua genovese de Poro Foggetta
Fuò ra testa de neive ho za fascià
da-e Rime diverse in lingua genovese, Bartoli, Pavia, 1588
cangiòu e u in v e viçeversa
clicca i asterischi pe l'errata corrige
[p. 11 modifica]

1.
Fuò ra testa de neive ho za fascià,
Ma dentro bruxò* chiu cha ro confogo
Chi se bruxa à paraxo rò Denà,
Ch'esta neive amortà no puo ro fogo
E chiu cha zove Amò me fà bruxa*
A Zena, e fuò de Zena, e in ogni logo
Como unna foggia secca, e legno vegio
Chi chiù dro verde sempre bruxa megio.

2.
Mi de mi mesmo inamoraou me son
No per che d'un Narciso aggie ra chiera,
Ch'unna nasecca como Ovidio son
E sempre ghò de torli* unna gran schera,
Ma mi solo per voi caro à mi son
Per chi de Poro za Fogetta ch'era,
Amò m'ha transformao Cattannia in voi
Si che amame don mi puo che son voi.

3.
Scurpia intro cuò v'hò per man d'Amò
Ni e* maraveggia che ro cuò me bruxe,
Può che gho* dentro cosi* cado sò,
Ch'un sò Catannia sei che sempre luxe,
E mi chi hò dentr'cuoe* si gran sprendò,
Faxo ancon lume con ra vostra luxe,
Como fan re lanterne per costume
Che asconde no se puo si chiero lume.

[p. 12 modifica]


4.
Como ro Sò chi a noi ro giorno ghia
Con ra so luxe fa luxi* re stelle.
Che se ro Carro so cangiasse via.
Men luxireivan cha re chiarabelle,
Così d'esta zeneixe poexia
Re scure rime me poeran chiu belle,
Perche de voi raxonnan, chi orne*
Como re stelle orna* son da ro So.

5.
Ma à pointo m'interven, de che me duo
Com'intervegne à ro compà Meghin,
Chi so Aze andava à cerca fuò
Si gh'era sempr'adosso à cavalin;
Che se ben v'ho scurpia dentro cuo
Ve cerco za e la seira, e mattin.
Ni ve basto à trovà mi grossiton
Si che poveso*, e ricco asseme son.

6.
Sempre hò ro fogo inanzi onde mi Poro
Per voi moro, e renasso tutta via,
E de mi chi son vni* si m'inamoro
Che de mi mesmo ho quaxi giroxia,
E ricco son perche re gioie, e loro*
Chi ve fan bella, ho sempre in fantaxia,
Povero son, perche no posso rente
Con i oggi vei, che veggo con ra mente.

[p. 13 modifica]


7.
E che de veive tanta doggia ho pù
Che staggo zu chinao da scaghignio
Ma se à ra fin ve veggo drizzo sù
E son de veive subito goario,
Ni mostrà ro me mà ve posso chiu
Che sempre me vei drito, e cororio.
Si che voi con fuzime, m'inchiaghe*
Ni fuò mostrà ra chiaga me lassè.

8.
Ma in fin morrò per voi se v'ascondei
Si morirei con meigo ancora voi,
Che de Fogetta como inteizo havei
Me son cangiao bella Cattania in voi,
Si che fa ben per vostro ben me dei
Può che ro danno me* fa danno à voi,
Che dra cruezza crua chiu saressi
Se de mi chi son voi piete* no havessi.

9.
In voi cangiao Catannia me son Mi
Ma in mi cangià no me parei za voi
Per che ve cerco, ni ve trovo Mi
Anzi ho perduo mi per cerca voi,
E puo che chiu nò trovo voi ni Mi
Posso di che no son ni mi ni voi
Ch'imposibile pa, ma crè ro dei
Ch'Amò tutto può fà como savei.

[p. 14 modifica]


10.
Se ben son voi, se ben sei ra me vitta
Voi con fuzime pu me fe morì.
Ma no so como vive senza vitta
E como more senza moeè morì.
Moro, e no moro, e insieme ho morte, e vitta
Ni per voi posso vive ni mori,*
Bruxo intra giazza, e zero dentro fogo
E ho morte, e vitta da ra giazza e fogo.

11.
N'in Cè dexiro vei sò, lunna, e stelle
Ni boschi, e proei d'herbetta e de scioi chin
Ni belle nue Zovene, e ponzelle
Bagnase dentre laghi crestalin,
Ni gioie in oro pretioze, e belle
Ma solo de vei voi dexiro in fin (r)
Ch'in voi dra Terra, e ce ro ben tutto è
Ni bello, ò bon puo vei chi voi no ve.

12.
A mi no me pà scuro, e notte vera
Quandn'ro* Sò s'asconde, e sotta va,
Chi per vergogna de'sta* vostra chiera
Inanti seira spesso ascozo stà,
Ma' me pà scuro, e notte vertadera
Se uni* terreste Sò nò insi* de chà
Si fe da i oggi mè lagrime chiove
Como quando ro Sò nuvere crove,

[p. 15 modifica]


13.
E quando ven l'humida notte infin
Como de di ro vostro Sò m'accende,
Ni l'ombrà* d'orofoggio, ò d'armorin
Ni capello da lè me puo deffende,
E se ben da voi parto, e per camin
Trovo d'uverno giazze, e neive grende,
Tra neive, e giazza m'accende Cattannia
Como de ste quando è si gran scarmannia.

14.
Ma ro mà si è che sento ro carò
D'esto Sò vostro chi me fà bruxà,
E vei no posso ro so gran sprendò.
Se ben moe* no ro fazo cha cerca,*
Rente ho ro cado; chi me da dorò
Lonzi ra luxe, chi me puo Zovà
Pu como un Tornasò ra foggia mè
Se drizza à ro Sò vostro sempre moè.

15.
Deto ha lume à ro sò Domenende*
Perche, ò n'arve za zu ro chiero giorno
Però voi chi havei luxe chiù de lè
Asconde no ve dei ra notte, e giorno,
Che può ch'vascondei* da i oggi mè
Notte me fe parei ro chiero giorno
Per ch'orba voi lassè ra terra nostaa*
E hono* chiamè tanta cruezza vostra.

[p. 16 modifica]


16.
Che se beu* doce in vista voi parei
Dentro sei crua, e dura como pria
Ma perchè in o Prion nassua sei
No è maraveggia che sei dura pria,
Anzi dre prie chiu durezza havei
Che tanto picca l'egua su ra pria
Cha ra pertuxa in fin, ma pertuzà
Moe* no ve posso mi per lagrimà.

17.
Ma como scoggi pesti, e sbattuggiè
Da marinna, e da vento in compagnia,
Chi moè se movan donde son chiantè
Anzi se fan chiu duri, e chiu de pria,
Cosi* voi donna dura chiù ve fe
Pe ro mà dro mè chiento tutta via
E pe ro vento dri suspiri mè
Ni ro Ponton ve movereiva un pè.

18.
Se ben son vostro, e voi sei ro mè cuò.
Un bon'oggio à mi Poro moè no arvi*
Per che chiu cha de sasso havei ro cuò
Ni chianzando ro posso inteneri,*
Anzi in un sasso chi botta egua fuò
Amò per voi m'ha feto converti*
Si che esto dè d'Amo Zeneixe pà
Possa che tenti cangi o l'usa fà.

[p. 17 modifica]


19.
E a pria assemeggie* de Caramia
E mi l'agoggia chi se drizza à le
Che sempre drizzo à voi ra fantasia
Ma sempre inderno à voi vegno derrè
Perche attacà con questa vostra pria
Moè no lassè ro dritto ferro me
Che ra natura à voi ro tira, e menna
Ma voi desnaturà ghe dè ra schenna.

20.
E pria ancora assemeggie* da fogo
E mi semeggio à pointo ro foxin
Che piccando ve fasso buttà fogo
E l'esca è ro mè cuò d'ogni firin
E in Mà me bruxa, e in terra, e in ogni logo
Che de natura, ò pa fogo landrin
Rò quà sott'egua ancora acceizo dura
Che ra siamma d'Amò d'egua nò cura.

21.
Se ra cha se m'accende, ò ro camin
Quarche remedio se ghe puo trovà
Che per no bruxà lo ri me vexin
Con seggie d'egua l'uzan d'amortà
Ma ro fogo ond'Amò ro cuò meschin
Dentra me viva cha me fa bruxà
D'egua amortà nò pon ri vexin mè
Anzi intre l'egua, ò me consuma lè.

[p. 18 modifica]


22.
Per voi si ben m'infrecchia Amò crude*
Ch'in Mà quando me bagno Poero un Zin
Ni l'egua amortà puo ro fogo me
E in terra poero quaxi un porco spin
E puo che treto m'ha ro Barestrè
Tutte re so verette d'oro fin
O se me accosta e re verette accende
E adoggia doggia in mi con fiame grende.

23.
Ma quando tira à voi questo Garzon
Per rompive ro cuò duro, e crudè
Ra frecchia inderre* torna, ò vereton
E in cangio vostro spesso, ò fere le
E in voi i'arme d'Amò remorchiè son
E in voi i'aguzza l'amoroso De
Possa amorè da prie cosi* finne
Ri cuo pertuza como gratteirinne.

24.
Da Gentir'homo inanti à Poexia
Solo atendeiva, e andamene à sorasso
E aura son devegnuo un Picca pria
Che atro cha picca* voi Pria no fasso,
Ma dro scopello mè ra vostra pria
Se ben martello ho grande moe* no passo
Che trà da voi vorreiva unna figura
Ma no ro posso fà tanto sei dura.

[p. 19 modifica]


25.
E se à ro Cè re gioie so rendessi
Chi à ro mondo apprexa* ve fan da noi
Atro dro vostro possa no haveressi
Cha ra crudelite* che regna in voi,
E rendeghere, ò donna deveressi
O cangia* re cruezze in veri amoi
Che à voi troppo sta ma ro cuò crudè
Ch'in semegianza honorà sei de Dè.

26.
Ma ben ch'ascosa in casa vè nè stè,
L'annimo ch'à voi drizzo tutta via
Fa che mi veggo, ben che no voggie*
Ra vostra chiera amara, e savoria,
E se nova bellezza, annima mè,
Cerca*, à l'annimo mè fa cangià via
Lè chi si doce ve* ra chiera vostra
Torna à voi presto ch'inganne ra mostra.

27.
E quanto con chiu vivi e fin coroi
Bella e pietosa mè v'impenze fuo
Quest'annimo che drizzo sempre a voi
Tanto de voi suspetta chiu ro cuo,
Che rero è bello prao chi dentre scioi
No aggie ascoso dre biscie, e dri lagò,
E intro prao vostro, e villa tutta via
Cuoeggio i amare scioi de giroxia.

[p. 20 modifica]


28.
Moe* no arvi* ra fontanna de pietè
Per bagna* ra me foggia chi è sardia
Che se voi ghe l'arvissi sempre moe*
Da re so scioi saressi ben sioria,
Ma veive à i oggi me pu no lassè
Che me fuzzi* si dentro v'ho scurpia;
E puo ch'in voi Cattannia cangiao son
Me de da fà chiu dri Cattannij ancon.

29.
Dhe lasseve Cattannia a mi trovà
Se vorrei che Cattannio se davei,
Per ch'aurà* esse da beffe me ro pà
Può che ve cerco, ni ve posso vei
Ma infin foggetta me veirei tornà
Se mi vostro Cattannio schiverei,
Che mostrà ve dei voi fogetta ancon
Se mi per vostr'amò Cattannio son.

30.
Può che rà me fogetta l'union
Su l'erboro Cattannio v'ho incerio
E che ro De d'Amò d'un vereton
Hà ri cuò nostri ancora inseme unio,
Questi doi corpi unimo inseme ancon
Che mà sta l'un, da l'atro dexunio,
Ma s'uniremo ben Cattannij, e foggie
Boin frutti sempre ne porremo coggie.