Pagina:Ricci 1080-2.djvu/47

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

per assase, e per chinà
no ve creì che se stanchemmo
anzi nuoì se reposemmo
se schiappemmo legne tè

28.
Nuoì i ferri grossi, e buoin
de piccozze se trovemmo
semmo poescia zovenuin
che vareisene ben puoemmo
si che ben ve ro faremmo
ro lavò come gustè.

29.
Ne schiappando v'arrobemmo
legne nuoì per o contorno
che d'amò bersaggio semmo
si che havemmo[1] tante freccie intorno
d'ascadave à vuoì ro forno
e bruxià sotto i brandè

30.
Ma hoeggi soli vuoi
donde staghe amò veghemmo
assendeì re freccie à nuoì
che à torno se trovemmo
e un Pareiso nuoì provemmo
dentro o fuoego che vuoi fè.

31.
Questi connij à vuoì cari
solo à ca' se ne portemmo
puoè che ben de mette, e trai
d'intre legne besuoegno havemmo
e ro resto à vuoi lascemmo
se schiappà da nuoì ve fè

32.
Femmo botte infin si degne
se à schiappave nuoi vegnimmo
che ro cuoè non men dre legne

  1. megio: "si hemmo"