Rime diverse in lingua genovese/Fra re chiu brutte, e vergognose usanze

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Rime diverse in lingua genovese de Viçenço Dartonna
Fra re chiu brutte, e vergognose usanze
da-e Rime diverse in lingua genovese, Bartoli, Pavia, 1588
cangiòu e u in v e viçeversa; clicca i asterischi pe l'errata corrige

[p. 111 modifica]

Fra re chiu brutte, e vergognose usanza*
Chi se an* in quà se vuoggie atra Cittè
A Zena unna ghe n'è chi pà ch'avanze
Ogn'atra de vergoegna, e fasite,*
E qoesta[sic] si è che mettan su re panze
Dre gravie belli muggi de dinè,
Pù quando vui no me ro creissi a caxo
Asse* d'esti ne son, tra chi, e Paraxo.

2.
Spiene a ri mercanti, e a ri Tuschen
Che san fà quinto dro piggia,* e dro mette
Spiene in somma a tutti ri artexen
Che stan a lavorà entre butteghette,
No poeran cacchia* pointo che ghe ven
D'ogn'hora, belle schere de Donnette,
Che dri dinè ch'arroban ri marij
Voeran puoe su re gravie fa partij.

[p. 112 modifica]


3.
Ma se queste Donette soramente
Mettessen su re graive*, manco mà,
Perche essendo nassue de bassa gente
Pochissimo, o no monto puo importà,
Ma quello che m'affrize chiù ra mente
E me fa spesse votte sospirà
Siè* vei che re chiu riche, e re chiu savie
No se vegoegnan* mette su re gravie.

4.
Han pochissimo senno, e manco honò
Che se ven cossi* spesso scorratà
Me maraveggio asse* dri marij lo
Che possan queste cose comportà,
De certe atre ascotè ro gran nesciò
Ch'un poco aora de lò vuoggio parlà
Pouesse* che fra i arberghi lo sorette
In quest'arte se poeran chiu perfette.

5.
No gh'e carroggio a Zena che da lò
Dexe votta ro di scorso no sè,
Da quelli pochi in foera onde ra sciò
Dri nostri gentirhomi stè* se ve,
Ma onde vozando stan ro firatò
Ond'è tenzoi, cuxoei, e bancarè
Scarzoei, tescioei, onzoei, e zavatè
A tutti ghe demandan s'han moggiè.

[p. 113 modifica]


6.
Per no parei che burle, son contento
Che ve n'andè a bon'hora ra mattin
In ro Prion, in Portoria, in Morsento
Da sant'Andria, e da sant'Agostin,
In pontexello*, in carroggio dro vento
In Sarzan, e per quelli soè confin
Che ne veirei gran copia in tre* casette
Sta toccando re panze dre gentette.

7.
Ghe spian ero* gueri che voi sei
Gravia, fin quanto ro deivo portà?
Dimero ve ne prego che ve crei
Cossi* à vostro giudiciò* devei fà?
Responden lo che poeimo noi savei;
O zoccò, o nescio* da no quintà,
Se cren che deggian fa maschio seguro
Quando ghe pà c'haggian ro corpo duro.

8.
Voeran otra de questo savei puoè
Per assegurà chiu l'annimo stanco,
Da che banda se sentan ro figgiuoe
Su ro senestro, ò su ro dritto scianco
E s'han ventositè, o penna de cuè
Como za dri soi atri, o chiu o manco;
Se re doggie son como re passe*
E se gh'han pochi peti, e lete assè.

[p. 114 modifica]


9.
Ma quello che reprende chiu se dè
De quanto v'haggie dito fin a chi
Ch'in certi zovenotti mettan fè
Che per goagnà ro vive, e ro vestì
Certi pointi lunatichi osservè
Se vantan de savei tè cose di,
Lo che son zocche, simpricette, e nesse
Sempre ghe cren, s'unna votta riesse.

10.
No vuoggio za taxei quello che fan
Queste te gentridonne con dinè
Re poverette gravie à trovà van
Ro di ch'apartori* lo son forze*
Poe che gh'han monto ben vuinto ra man
E detoghe parole, e chianchie asse*
Induxen quelle te povere a fà
Cosa che ri piggioei posse inganà.

11.
Voggiemo dixen lo ch'apartori*
In loeghi che se possen chiu segreti
E como poscia se passaò trei di
Che ve mostre* intri vostri carroggetti,
Finzei d'esse ancon gravia; e perche di
Ro posse ognun porte* dri cossinetti,
Noi che ro vostro parto saveremo
Seguramenti poe mette porremo

[p. 115 modifica]


12.
Unna meite* dro di spenden in vei
Chi ghe pà che fà deggie maschio, ò figgia
L'atra meitè se spende puoe in savei
Fra ri piggioei chi chiu seguro piggia
De moo che voi a lavò moe* no re vei
Onde poè ne patisse ra famiggia
Re figgie stan tutto ro di in barcon
Chiarlando, che soè moere no ghe son.

13.
Madonne mee, perche ve voggio megio
Piggie* ro me consegio bello, e bon
Perche mi son si prattico, e si vegio
Che cosa no dirò fuoe de raxon
Ch'atre cose attendei ve sarà megio,
Per mantegnive in reputation,
Dra qua quinto pochissimo fàrei*
Se tè forfanterie no lascierei.

14.
Lasciere donca, che no se conven
A gentri Donne* fa quest'exercitio
Mi ve ro digo, perche o m'aperten
E fasso de l'amigo vero offitio,
Se de savei chi son voggia ve ven
Ve ro dirò me chiamo fre bomitio,
E se vorei sauei ro parentaò
L'intenderei puoè como s'è cenaò.