Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/110

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia



6.
Donna priva d'Amo* senza pietè
Chiù freidda che ra neive Zenarinna,
Inimiga dre cose innamorè
Asse* chiu che dra vorpe ra gallinna
No sala che o conven dre so pecche*
Che presto a rende quinto ra meschinna
Perche me pa ch'aggiemo Pasqua in cà
Tanto presto rò tempo se ne và.


Fra re chiu brutte, e vergognose usanza*
Chi se an* in quà se vuoggie atra Cittè
A Zena unna ghe n'è chi pà ch'avanze
Ogn'atra de vergoegna, e fasite,*
E qoesta[sic] si è che mettan su re panze
Dre gravie belli muggi de dinè,
Pù quando vui no me ro creissi a caxo
Asse* d'esti ne son, tra chi, e Paraxo.

2.
Spiene a ri mercanti, e a ri Tuschen
Che san fà quinto dro piggia,* e dro mette
Spiene in somma a tutti ri artexen
Che stan a lavorà entre butteghette,
No poeran cacchia* pointo che ghe ven
D'ogn'hora, belle schere de Donnette,
Che dri dinè ch'arroban ri marij
Voeran puoe su re gravie fa partij.