Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/109

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


3.
Perche ra leze vuo se no m'inganno
Che quando un zove ven da ti ferio
E che pe rà so donna, o sente affanno
Che quasi s'o no caga, e l'espedio
No dighe l'ingratonna l'è so danno
Gran caxo, badamenti, e me ne rio
Como me dixe a mi quella cagnume
Quando à me ve cangià vita, e costume.

4.
Ma se patisse ro meschin dorò
Che o no se posse asperme reze in pè
Como segue a chi caze in questo errò
(Perdoname Segnò) si tristo e rè
Che quella chi ro priva dra megio*
Parte che ro tapin se trove in lè
Aceixa restè* da si cado fogo
Ch'a no posse trovà posso, ni logo.

5.
Che me crao certo Amo,* che se ti vissi
Zò che per quella bissa atossegà
Fazo, e de l'atra banda ti sentissi
L'amara vita che a me fa gustà,
E no voggio za di che ti morissi
Ti mesmo de dorò che ti è inmortà
Ma sò ben che si giano ti verressi
Che mezo morto in vista ti parressi.