Rime diverse in lengua zeneise/Frottora dri giolí

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Rime diverse in lengua zeneise de Poro Foggetta
Frottora dri giolí
acento grave = vocale curta - acento aguçço = vocale longa; clicca o nummero da paggina pe 'n rafronto co-a transcriçion diplomattica
in'abrexê de n'atra verscion de sta fròttoa o fu pubricao chinz'anni avanti inti Madregali alla zenoese
[p. 27v modifica]

1
Donne che sempre in bocca "gioia" havei,
E per ogni parola "gioia" dí,
Per natura re gioie gustá dei
Puoessia che sempre in bocca re tegní,
E de raxon dei vorentera vei
Pe re suoe belle gioie, ri giolí
Però davanti a vui vegnui semo
Nui, che dre belle gioie se trovemmo.

[p. 28r modifica]


2
E se ben deto v'ha ro divin choro
O belle Donne, denti de perlette
E bocche de rebin, con trezze d'oro,
Dri qué ne lighé tutti o zovenette,
E deto ancon puoe v'ha tanto tesoro
Ch'a torto tegní chiosso in tre cassette,
Deto o no v'ha dre gioie c'hemo nui
Però davanti re portemo a vui.

3
Ri belli fronti che v'intortigié
Dre trezze d'oro chinne de sprendoí
Assemeggian re perle orienté
Che spesso in oro fin lighemo a vui,
Però sei perle ancora vui chiamé
Como re vere perle c'hemo nui
E come perle ro pertuzo havei,
Ma lassave infirá puoe no vorrei.

4
Però non solo havei Donne galante
Chiere de perle, belle, e ben formé
Che ancora havei ri cuoe de diamante
Dentri petti d'anofanto serré,
Onde ro dé d'amó chi è si bon fante
Che nuo o venze tutti i homi armé,
E fa gren chiaghe così pichienin
Ro cuoe no po rompive adamantin.

[p. 28v modifica]


5
E se a ro Cé, re gioie sò rendessi
Chi a ro mondo adorá ve fan da nuí,
Atro dro vostro puoessa no haveressi
Cha ra crudelité chi regna in vuí,
E rendeghere, o Donne, deveressi
E cangiá re cruezze in veri amoí
Che a vui stà troppo má ro cuoe crudé
Che in semegianza honoré sei da dé.

6
Ma perchè ra mea parte mi v'hò dito
Vuoeggio ro resto a i atri lassá dí
E se a ro sò parlá chi è monto drito
Ben l'unna, e l'atra oreggia Donne arvì
V'intrerà con diletto ogni sò dito
E zoverà se ri lassé compí.
E mi ra lira intra sò vesta metto
Ch'omué son stanco de mená l'erchetto.