Rimme taggiasche/Risposta fatta alla terza lettera

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Risposta fatta alla terza lettera.
de Steva Rosso
ed. da E.G. Parodi e G. Rossi into Gior. Stor. Lett. da Lig. - IV, 1903.
↑torna a-a lista di atri scriti
[p. 358 modifica]
IV. Risposta fatta alla terza lettera.

Senti mastro Zerbin, vouzite in zà
Tu che te pensi d’esse Arcipoeta,
E chiù sacchiuo, che Vincè Gaglineta,
Che con tu voglio un poco raixonà.

Mi te voglio de cuò rengratia,
Te voglio presentà mi una conchetta,[1]
E un vernigao de buse con l’aigueta,
E te voglio dà beve int’un cozzà.

A che scora eit’andao? dimero un pò,
Dimero se ti vuoi, mastro Zerbin,
Per vita toa fame esto piaixè.

Cagna; t’hai ben impreso dro latin,
Ti ei deventao chiù grosso, che ro bò;
E ti vuoi sindicà re historié me?[2]

Ma mettite derrè
Sti tuoi sindicamenti, e ste ta raggia,
Che ra me historia squasi a tutto Taggia

Fia à quei, che dixen paggia
A ra paglia[3] gh’è tanto piaxùa,
Che portara con elli i l’han voxùa.

Ma tu bestia cornua,
Come puoi tu giudicà zò de drijto
Se ti n’intendi stizza ro mè scrijto,

E chiù dro brazzo drijto

[p. 359 modifica]

Chè quello, che fà fà re couse ben
Essendo tu mancin non ne fai ren?

Per tà tutti te ten
Ma pezo assai de chiù te tegno mi,
Ch’à te tegno per un così così,

Ma mettemora lì. (1)
Vuoi tu, che mi te mostre una recetta?
No stà a cercà chi hà ra camixa netta. (2)

M’intendi tu, Stacchetta?
T’haveressi voxùo, che mi ro sò,
Che mi ri tuoi gh’havesse messo ancò,

Ma non farò zà zò.
Pezzo de carne con duoi ogli, tera,
Vate à sottera, ò vate à vend’in fera,

O zogà à pè, ò mera
Cieria de mascarzon, cieria de grotto,
O vate à fà trà un boglio à Benaiotto,

Pigliate un cavallotto
Và là, ch à te ghe chiamo, o te vuò ben
Levàte re morette ello d’in sen. (3)

Zò, che hò dijto è nien
Te voglio fà ascoxì, te voglio mette
Gente à derrè, chi te farà desmette

Tutt'este toe chianchiette.
Te vegnirà à trovà ra (4) mè Baccialla,
Ra Gambetta, Cremenza, e ra (5) Costalia,

Ra mogliè de Madalla
Quella lengua affirà dra Revidona,
Ra Giachetta, Besina, e ra Micona,

E ra mè Calidona
Ra Fighetta, Margheira (6), e ra Pettía
Ch’eira mogliè de Domè Scogozìa,

Che sempre ragna, e cria,
Era Gallona, e si quella gorazza,
Ra Garra, Berreteira, e ra Besazza,

Te rompiran ra fazza.
Pensa à li caxi tuoi, stà donca queo,
O và à zugà à re biglie à l’Arbareo.

  1. Forse allude a un modo di dire, vivo tuttora a Genova, che si usa per schernire chi la vuol saper troppo lunga, e specialmente i bambini sac­centi: t’é u puéta Cunchetta, c’u l’à missu l'ümiditæ’ int’i pussi.
  2. La St. Bò, Sindicà; e qualche majuscola ho soppresso anche altrove, ο l’ho aggiunta, per maggior chiarezza.
  3. Vale a dire quelli che parlano il taggiasco con affettati genovesismi.