Pe ra incoronazion dro serenissimo principe

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Pe ra Incoronazion dro Serenissimo Principe Aostin Paravexin,
Duxe Reá dra Serenissima Republica de Zena

de Aostin Scciafin
Inciozo inti "Aplaoxi da Ligurria" do 1638 - exemprâ conservao inta Libraja Naçionâ Centrâ de Romma


[p. 124 modifica]
PE RA INCORONAZION
DRO SERENISSIMO PRINCIPE
AOSTIN PARAVEXIN
DUXE REÁ DRA SERENISSIMA
REPUBLICA DE ZENA
DRO P. F. AOSTIN SCHIAFIN.


1.
Muza ti che lassù rezi, e governi,
Muxico coro de celesti Orfei;
Che trà gruorie, e trofei,
Per quelli campi eterni,
Con voxe de pareizo approprié
Fan rò tò nomme resuná che moé;
Inspirame à rò cuó cos'hò dà dí;
Scusa rò prezumí;
Hoora che m'appareggio de cantá,
D'un Duxe Serenissimo Reá.

2.
Mè varrǽ da mì poco d'aggiutame,
Che senza tì nò nè traré rì pé;
Porré satá in darré;

[p. 125 modifica]

Si mè lascio imbarcame,
Dà quella che m'hò in ti gran confianza;
Ti gh'e tì assì impegnà con rà tò lanza;
L'è tutto tò (nò gh'è che dí) rò paeize,
Che stò Duxe Zeneize
Dee reze per tò quinto, e dee deffende,
Comme ò l'hà ancon per faro cuó da vende.

3.
Questo so è un hommo rero dè cervello,
Chi se sà contegní con rè passoin;
Chi cognosce rì boin,
Chi fà batte à livello
Con tutti rà raxon, chel'è aviao
A manezzá governi dè chiù grao;
Poeran nasciue per lé re preminenzie;
Re tente esperienzie
Dre cose che passé son per sò man,
Nò l'azan dè chiù in cé, perche nò san.

4.
S'ò zè à Romma Ambasciao, Pappa Griguo,
L'è d'ammirá ra stimma ch'ò nè fè;
Sè in Franza, quello Rè,
Quanto moé dí sè puo
L'accarezzá con tutti quelli honoi
Che son devui ari chiù gren segnoi;
Donde in amó s'unin per mezo sò
Zena, e Franza, per zò

[p. 126 modifica]

Con groppi d'amisté fermi, e constanti,
Quanti che se sen visti per avanti.

5.
Rà prudenzia è sò meistra; per sappua,
L'è un Numa, l'è un Licurgo, l'è un Solon;
Senz'atro paragon,
Le dè tanta varsua,
Che scetro, manto e sta Reá coronna,
S'honoran d'honorá rà sò personna;
Rè fazzoin drà sò chiera han drò divin;
Rò sò nomme è Agostin
Titoro groriozo d'Imperaoí,
Che l'agurava Duxe À tutto poeí.

6.
Commandà primmo à Romma un atro Aosto;
Nò men che primmo à Zena haora commande,
Con titoro chiù grande,
Principe de maó costo,
Questo, che proprio merito inazà
Primmo à stò grao d'ogn'atro drà sò cà:
Ma gh'è gran differenzia rtà dè ló,
Che un regna per amó;
L'atro regná per forza, e per inganno;
L'un patron dri voreí, l'atro tiranno.

7.
Si è drà famiggia puó Paravexinna
Sprendó d'Italia, Illustre à maraveggia;
A rè primme pareggia:

[p. 127 modifica]

Chiù ricca drà marinna;
Moere d'un Antognotto, e un Gian Battista,
Cardené degni; in ogni eté provista,
D'Arciveschi, Prelati, e d'hommi grendi,
A rebocco stupendi,
Sé in lettere, ò sé in arme; in mille carte,
Mensoné dà rà famma in quinto apparte.

8.
Con veiro Zena incoron[a]ó d'un Regno
In magesté conforme à rà grandezza,
Giubila d'allegrezza,
Dappertutto dà segno
Drò sangue chi ghè brilla dentre venne;
Nè fan festa rè chiazze, e quest'arenne,
Ch'aspettan che per debito ò reddue,
In sò staó rà virtue,
Annima drè Repubriche ben fete
Per che vive rà gente dentro lete.

9.
Speran veí schioí muó; nasce garie;
Accresce porti in má, dominio in terra,
Hoora che boggie in guerra,
Con tente scottomie,
Rà Franza, rà Fiandra, e r'Aramagna,
Mentre goe Liguria unna cocagna,
Ricca à botta dri ben drà Santa paxe:
Che rò Segnó veraxe,
Sovegnirà stò Duxe drò sò aggiutto,

[p. 128 modifica]

Che deto, e rebattuo, si e ró tutto:

10.
Canzon, se rà mattin, segna rà seira;
Se rè memorie antighe, son de spegio;
No cerchemmo dè megio;
Rengraziemmo affeto rò Paraxo,
Ch'ha Dé per mira; e nò resorve à caxo.

11.
Se per lezze dè libero vorei
Aggiusté con rè regule dri Cé,
Foisi antepozo à Zena à rì promé
Per seze in quello luogo, onde sezeí.

Cose aspetá dà voi pò rò deveí
Fuó che rà sò deffeiza? e à pareí mé,
L'hei chiù a rò cuó, senz'atro, che ne l'é
Comme quello à chi tocca rò proveí.

A' nò ghè poe vegní dè megio in pá;
Quando l'hà chi commanda in sò faó;
Che se dé davantaggio dexirá?

Terreí per tutti ra baranza inguá;
Nò dareí, nì de maó; nè dè menó;
Fareí rò giusto; e lasciereí cantá.