Pagina:Applausi della Liguria 1638.djvu/128

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

Che deto, e rebattuo, si e ró tutto:

10.
Canzon, se rà mattin, segna rà seira;
Se rè memorie antighe, son de spegio;
No cerchemmo dè megio;
Rengraziemmo affeto rò Paraxo,
Ch'ha Dé per mira; e nò resorve à caxo.

11.
Se per lezze dè libero vorei
Aggiusté con rè regule dri Cé,
Foisi antepozo à Zena à rì promé
Per seze in quello luogo, onde sezeí.

Cose aspetá dà voi pò rò deveí
Fuó che rà sò deffeiza? e à pareí mé,
L'hei chiù a rò cuó, senz'atro, che ne l'é
Comme quello à chi tocca rò proveí.

A' nò ghè poe vegní dè megio in pá;
Quando l'hà chi commanda in sò faó;
Che se dé davantaggio dexirá?

Terreí per tutti ra baranza inguá;
Nò dareí, nì de maó; nè dè menó;
Fareí rò giusto; e lasciereí cantá.