Pagina:Applausi della Liguria 1638.djvu/127

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

Chiù ricca drà marinna;
Moere d'un Antognotto, e un Gian Battista,
Cardené degni; in ogni eté provista,
D'Arciveschi, Prelati, e d'hommi grendi,
A rebocco stupendi,
Sé in lettere, ò sé in arme; in mille carte,
Mensoné dà rà famma in quinto apparte.

8.
Con veiro Zena incoron[a]ó d'un Regno
In magesté conforme à rà grandezza,
Giubila d'allegrezza,
Dappertutto dà segno
Drò sangue chi ghè brilla dentre venne;
Nè fan festa rè chiazze, e quest'arenne,
Ch'aspettan che per debito ò reddue,
In sò staó rà virtue,
Annima drè Repubriche ben fete
Per che vive rà gente dentro lete.

9.
Speran veí schioí muó; nasce garie;
Accresce porti in má, dominio in terra,
Hoora che boggie in guerra,
Con tente scottomie,
Rà Franza, rà Fiandra, e r'Aramagna,
Mentre goe Liguria unna cocagna,
Ricca à botta dri ben drà Santa paxe:
Che rò Segnó veraxe,
Sovegnirà stò Duxe drò sò aggiutto,