Ms. Ricci 1080-2/Donne amorose e belle, che fè nasce

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Ms. Ricci 1080, sec. XVIII
Maschera dre Mamme che s'accordan pre allevà Figgioè
[p. 4r modifica]
Maschera dre Mamme che s'accordan pre allevà Figgioè


1.
Donne amorose, e belle, che fè nasce
dro vostro sen bellissimi figgioè
e in lò come conven vorreì renasce
e in lò murtiprica come De vuoè
se non vorreì dre vostre tette pasce
quelli figgioè, che v'escian da ro cuoè
deneri à nuoì, che bonne Mamme semmo
che in carne presto à vuoi i renderemmo

Se vorreì, che v'allevemmo
quarche vostra creatura
con bon lete, e bonna cura
ingrascià ve ri faremmo.

2.
Ben v'usemmo in carne mette
ro figgioè come gustè
e re coescie, e re gambette
dure e grosse ghe trovè
si che quando ne ri dè
dentre muoen cresce i femmo.

3.
Cuoescie, e gambe sode, e drite
han i nostri figgiorin
ne don d'este sinse frite
erinette, e derixioin
ma si grossi, e gaggiarduoin
che un b ne basta à carregà

4.
Nature hemmo dose, e bonne
come haveì ra mamma vuoè

[p. 4v modifica]

Semmo nette, e zovenonne
come gusta ro figgioè
gran lete havemmo, e primeionne
chi non usa muoè mancà.

5.
De toccane ro tettin
vuoì gustè madonne assè
pre che l'hemmo sodo, e pin
ma forte vuoì gustè
che se in man ve ro piggiè
quanto lete ne fè trà.

6.
Nuoì che lete hemmo si pin
ro tettin sodo, e novello
che chi spremme un pochettin
n'esce fuoea dro gaiello
un verroggio, un sbriscioiello
che a ciù d'un ne puemmo dà.

7.
Ro figgioè con tanta cura
nuoì ninnemmo tuttavia
che ciù dose a natua
no fe muoè tà melodia
si che nuoi quando o s'astria
ro fassemmo basso stà

8.
Ra mattin se fa buon fuoego
doppo o figgioè o se desfascia
se l'è brutto in quarche luoego
se ghe forbe, che o l'ingrascia
e tetà da puoè o se lascia
puoè o se mette à fà nanà

9.
Nanna netta ninna nà
ninna ninna corbelin
ninna ninna ro mè bin
ro mè figgio s'addormià

[p. 5r modifica]

Nanna netta ninna nà
Nanna netta ninna nà.

10.
Cresci, cresci cogietta d'oro
t'haverè a to spadetta
e derrè ro pugnà d'oro
e d'avanti ra baghetta
da tegnì ra tò becchetta
da puoeì canti scompiscià.

11.
E d'unna barchetta in mà
d'accattà gran voeggia ho
per andamene à barchezzà
che o timon tegnì ro sò
ma o mè figgioè non pò
navegà tutto ro mà.

12.
E ra bella Franceschinna
che soletta in letto stà
vuoè mario a meschinna
e pre duoetta a ghe darà
un giardin chi frutterà
chi ro fa ben lavorà.

13.
Cattainetta è ro barcon
dentro l'orto a mirà stava
un ben grosso zerzellon
si ra gora ghe tirava
puoè sull'erboro montava
pre puoi cuoeggie fruto tà

14.
Bioù ti compà Miché
chi non he villa ò mura
pre che sola a moggiè
virtuosa de natua

[p. 5v modifica]

da sò breiga à chi n'ha cue
che a fa l'hommo despeà

15.
Ò sù sù femmo una danza
don ghirindonna don ghirindon
poescia impimose ra panza
pre puoeì fà ballaridon
che chi balla senza son
i pendin dell'aze pà

16.
E o farà a ninna netta
dormi dormi picenin
ti haverè da puoè unna tetta
unna tetta, e un bon tettin
unna tetta, e un bon tettin
che tò mamma te vuoe dà

17.
Drizza sciù ra testa, e collo
ro mè bin bonombrioso
no aggi puoia dro babollo
cha fa ra mamma sotto ascoso
che si ben l'è si peroso
denti o no ha da fate mà

18.
Ninna ninna ra mè coggietta
e ro mè pipì novello
cresci pu ra mè becchetta
ti haverè o tò canestrello
e coromba, e tortello
che tò mamma te vuoè fà

19.
Dentra villa d'Andrioè
se ghe balla, e se ghe danza
ghe canta o roscignuoè
e Bernardo ven de Franza
ch'a ammazzoù con ra sò lanza
l'oxelin de me compà

[p. 6r modifica]


20.
Oxelin bell'oxelin
chi dro becco sempre trè
e ciorlin, ciorlin, ciorlin
dentro bosco si ben fè
che chi gode gusta assè
si te serca d'ingaggià.

21.
Ro Galetto, e bello gallo
e ambascioù dro nuoevo sò
c[']a re polle da cavallo
monta spesso per amò
e pre' fà cocorocò
sciù ra testa vuoè drizzà

22.
Dentro l'orto ch'emmo in cà
cattiv'erba è zà cresciua
e ogni cosa se ne va
in mal'ora, e desperdua
una fava semensua
sarà bonna da ciantà

23.
Dentro l'orto dra comà
gh[']e ro truoeggio, e fontanetta
che bagnando fa ingrascià
l'aggio, porro, e sevoletta
si che puoè a comaretta
se ne piggia unna pansà

24.
E l'erbetta senioera[1]
zova, e gusta à ra fantinna
che o sangue a ghe trà fuoera
chi dà breiga à ra meschinna
benche a ponze unna stizinna
ro pertuzo inte l'intrà.

25.
E Madonna Maioera

[p. 6v modifica]

pettenà o sin se fava
e dra bella parmeioera
ingrossà ro fuso a fava
e re carcoe a menava
ben da torno à ro terà

26.
Ohime De, comà Maioera
che pre mè desaventura
ro fornà spointando fuoea
con ra para grossa, e dura
rotto gh'ha ra gattafura
si ghe l'ha feta bruxià

27.
Battaggiava battaggin
sotto gh'era ra Dianna
e da sovra frè Stoppin
chi sonava ra campanna
si ballava unna pavanna
a ro son dro battaggin

28.
Zin, zin, zin ch'a ro morin
sempre muoè ra votta o dà
e me puoeo un'atro zin
tente freccie amò me trà
ma in mà fresco ro zin stà
e mi bruxio in terra, e in mà

29.
Se ne butta in parpagion
ciera bella à man, à man
per ra via m'accompagnon
chi lavora de sò man
si ghe presta o tian
da puoi carne coxinà

30.
Ra lumassa e lumassetta
re suoè corne fuoea a trà
ni se troeva donna netta
che chi a spussa, e chi non l'ha

[p. 7r modifica]

che chi ha e corne, e non ro sà
ben de corno puoè sunà.

31.
E ra barba de botè
e ra bella eloga zà
ma voggiando treppa liè
con un munno fuoea de cà
ro munnin ro petenà
e ro peì ghe fè croà.

32.
Lazare Lazare cappellue
possa cioeve in queste bande
fantinette, e donne nue
e fantin senza muande
che l'usà braghette grandi
spesso inganna ra sposà

33.
Se in cà pre mamma me vorreì piggià
arvine omuoè re porte donne deì
che l'hora è tarda, se ben ciero pà
pre che pà sempre giorno donde seì
e se figgioè non haveì da puoine dà
dane letto sta nuoette a ro men deì
pre che a cà nostra ro daremmo à vuoi
se ben duretto un poco l'hemmo nuoì.

  1. cfr. Ms. Marston 56/De messê san Tropè martiro: "E senando con verge de ferro batuo, lo so sangoe coreiva in terra"; cfr. fr. saigneur