Pagina:Ricci 1080-2.djvu/10

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

Semmo nette, e zovenonne
come gusta ro figgioè
gran lete havemmo, e primeionne
chi non usa muoè mancà.

5.
De toccane ro tettin
vuoì gustè madonne assè
pre che l'hemmo sodo, e pin
ma forte vuoì gustè
che se in man ve ro piggiè
quanto lete ne fè trà.

6.
Nuoì che lete hemmo si pin
ro tettin sodo, e novello
che chi spremme un pochettin
n'esce fuoea dro gaiello
un verroggio, un sbriscioiello
che a ciù d'un ne puemmo dà.

7.
Ro figgioè con tanta cura
nuoì ninnemmo tuttavia
che ciù dose a natua
no fe muoè tà melodia
si che nuoi quando o s'astria
ro fassemmo basso stà

8.
Ra mattin se fa buon fuoego
doppo o figgioè o se desfascia
se l'è brutto in quarche luoego
se ghe forbe, che o l'ingrascia
e tetà da puoè o se lascia
puoè o se mette à fà nanà

9.
Nanna netta ninna nà
ninna ninna corbelin
ninna ninna ro mè bin
ro mè figgio s'addormià