Ms. Ricci 1080-2/Se ve piaxe donne mè

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Ms. Ricci 1080, sec. XVIII
Mascara dri Tescioeì dre Teire
[p. 7v modifica]
Mascara dri Tescioeì dre Teire


1.
Se ve piaxe donne mè
nuoì voggemmo lavoave
quarche teia, e contentave
tanto ben ch'a nuoì tornè

2.
Un lavò da lavoà
solo in ca' nuoì n'emmo ciù
emmo à orde o teà
n'emmo a fà che montà sciù
nè carà voggiemmo zù
che compio, o non se sè

3.
Presto donne tutti nuoì
fuoè da muoeo à lavò semmo
che si presto à i lavuoì
monte sciù non ve ghe semmo
che un bon parmo ve ghe nemmo
de lavò sciù ri terè

4.
Si tirè de belli arneisi
ben fornij se trovemmo
che de verga, e contrapeisi
e de cascia in'orde semmo
dri què ben ve lavoemmo
ri lavuoì che a fà ne dè

5.
A buttà e spuere nostre
falì donne nuoè possemmo
dentre terre bonne nostre
tanto à mente i luoeghi emmo

[p. 8r modifica]

donde nuoì buttà re demmo
pre che all'arte semmo usè

6.
Quando forti lavoroin
sotto à tesce se trovemmo
che dri membri nostri buoin
senza puira strenze puoemmo
un menà de cascie femmo
che à sentire vuoì gustè

7.
Ni men ben ve lavoemmo
un lavò bello, e gentì
e ben donne ve possemmo
lavoà cose sotì
senza muoè rompeghe un fì
ch'emmo inseg inzegni strazimè

8.
Nuoì da ze à ri quaranta
ri lavuoi ben lavoremmo
à un bezuoegno de sinquanto[sic]
e ciù lavorao nuoì n'emmo
de sissanta ancon de femmo
pre servive scioì tè

9.
Per a troppo ingorditè
serte teste de mincioin
rompan ben i suoè terè
lavoando da avaio[i]n
e à vuoì guastan lavoì buoin
de tà sorte che criè

10.
Perche o posse ben scuggià
ro fì nostro prima onzemmo
puoè o strenzemmo in muoè tà
che re fire baxcià femmo
se non baxian no gustemmo
streite insemme, e ben ciavè

[p. 8v modifica]


11.
Tanto sodi i lavoi
femmo nuoì, che prò ve fan,
che se in man ri piggiè vuoì
belli driti ve ghe stan
e ben v'impan l'oeggio, e man
se ri veì, se ri tocchè

12.
Un bon pezzo, e scapparon
nuoì pre mostra ve portemmo
d'esto nostro lavò bon
e mandavero voggiemmo
e da puoè ve ro faremmo
sempre muoè d'esta bontè.

13.
No tessemmo à massi nuoì
fì de stoppa, ò canevetta
ma tessemmo fin lavoì
che vuoì sotta v'usè mette
e in tri forsè, e in tre cassette
ri lavoì vostri chiavè.

14.
Sodi son de i atri ciuue
ma pastosi restan puoè
che à portari à carne nua
gustan tanto in letto, e fuoè
che a re carne belle suoè
vorreì sempre lavoi tè.

15.
Ma da viegio un lavò s'ha
teneretto, e apendegoù
che bonn'overa non fa
e in man pende allandrigoù
ni muoè viegio è ben tescioù
che ben strenze o no puoè muoè

16.
Perche un vegio bravo assè

[p. 9r modifica]

ve lavoa poco, e mà
o non ha forza in quell'etè
da puoeì fave lavò tà
e o ve fa tanto aspietà
ro lavò, che consumè

17.
Fin à tardi nuoi ra seira
lavorando sodi stemmo
s'emmo sotta bonna teia
puoè per tempo sciù drizemmo
e dre cascie si battemmo
che vexin desciemmo assè

18.
Quando ben semmo abezij
muoè de fuoego s'ascademmo
che ri membri arrenzenij
lavoando destendemmo
de tà sorte che suemmo
lavoando despuggiè

19.
Muoè caremmo zù nuoi atri
dro lavò se à vuoì ro femmo
per montà sciù quello d'atri
che derrè a ro vostro andemmo
ni per tescie in ca' piggiemmo
doe teire assemme ò trè

20.
Quando assemme ro Tescioù
duoì lavoì fa solo in ca'
l'un, e l'atro è matrattoù
che non poco l'hommo fa
se un soletto ben ne fa
per che un dà dra breiga assè

21.
Vuoi che ben ve fè per uso
ro lin vostro piettenà

[p. 9v modifica]

e haveì sempre in man ro fuso
che firando fè ingroscià
da puoi fave lavoà
mancà fì non ve dè muoè

22.
Grande errò ra donna fa
chi ha fì bello, e apparreggioù
e inviegì ro lascia in ca'
si che o gh[']e puoè refuoù
che o no troeva ciù Tessoù
chi ro tesce per dinè

23.
Se un semesso dro fì vostro
a un besuegno adoveremmo
un bon parmo, e ciù dro nostro
dentro vostro ve mettemmo
gh'aggie ciù dro nostro femmo
che vuoi donna à nuoì no dè

24.
E puoeì stà sorva de nuoì
quando nuoì ve lavoemmo
che d'usanza donne à vuoì
ro deveì sempre fassemmo
che a conscienza drita havemmo
e Tescioui semmo laudè.