Ms. Ricci 1080-2/Vegno à sercà con sprescia

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Ms. Ricci 1080, sec. XVIII
Vegno à sercà con sprescia
[p. 10r modifica]

1.
Vegno à sercà con sprescia
o cuoè ch'ò perso chi
zà che a languidezza
me priva d'allegrezza
m'impaccia de dormì

2.
Non posso chiù mi muoeo
cari vexin pietè
per che se non ro troevo
sento che ò a morte à proevo
meschin de mi pensè.

3.
Ho visto duì ladretti
che puoeran giusto Frè
serto quelli furbetti
che de pietè son netti
l'han lò in veitè.

[p. 10v modifica]


4.
A mè caa dormio
ò pù fè o mincion
a ro manco dime addio
quando mi sbraggio, e crio
feve un poco à to barcon.

5.
Che vegghe quelle stelle
caosa de tanto mà
arvì un pò re parpelle
che ve vegne a pielle
ste un poco resveggià.

6.
A sciamma che me bruxa
vuì sola a puoeì amortà
non me trovè ciù scusa
per che sò ciù non s'usa
fase tanto pregà.

7.
Dè un sguardo à sti miè centi
se meritan pietè
sentì ri miè lamenti
de questo cuoè i tormenti
cara l'annima mè.

8.
Oreì comportà che muoe
un vostro servitò
che un viero affetto muoeve
e ve dà tante proeve
dro sò sincero amò.

[p. 11r modifica]


9.
Mirè lasciù re stelle
se splandiscain assè
son chiù brillenti quelle
chiù luxenti, e chiù belle
ch'in fronte vuì portè

10.
Vegnivene à streit'oeggi
voggieme un pò de ben
per vuì in mà no gh[']e scoeggi
à ro lume dri vostr'oeggi
o sè se fa seren.

11.
Seì gianca dentro, e fuoea
diggo da poverin
ciù che a prescinsoera
chiù che a neive nuoeva
chiù che ro Giasemin.

12.
Si ben son un pò brunetto
no ve stè à spaventà
che l'annimo l'ho netto
ho candido l'affetto
ho ro cuoè de bugà

13.
Belle scioere de Nervi
scioì chiù non semenè
son tutti tempi persi
i vostri Giardin son zerbi

[p. 11v modifica]

n'havemmo de miegio assè.

14.
In cera de me Patronna
gh[']e roese, e giasemin
che odò dan dra personna
ch'è tanto dose, e bonna
da lonsi, e da vexin.

15.
Donne non gh[']è strofoggi
fieve l'è così
son coetti in quattro boggi
son senci, e non son doggi
i amoì, che porto à vuì

16.
Ma n'oeggio chiù tediave
cara l'annima mè
andè à reposave
zà ch'ò da lasciave
de mi non ve scordè.

17.
Addio dea dre bellezze
addio pomin d'amò
con re vostre gentillezze
piggiè in groù queste carezze
d'un vostro servitò.