Meistro Tacco pe-a gran Sciortia de San Giacomo de Foxin-ne

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Meistro Tacco pe-a gran Sciortia de San Giacomo de Foxin-ne
a-o 1. settembre 1833
Zena, stampaja Como, conservao presso a British Library e acescibbile insce Google Books
[p. 3 modifica]

MEISTR[O TACCO]

PE-A GRAN [SCIORTIA]

D[E]

S. GIACOMO [DE FOXIN-NE]

a-o 1. set[tembre 1833]


Chi o l’è mai questo vëgio [...]
E o nazо da-e cæebelle, da[...]
Cö möro secco secco, e а ra[...]
O se ne ven cantando dä [...]
Lascæmelo un pö vedde ...[...]
Ме pâ, se non traveddo, [...]
Quello che l’è za un secolo [...]
О n'angosciava tanto grat[...]
L’è vëo son mi, ma zitti, [...]
Se voeì, che in sciö mom[...]
Perchè se se spanteiga, che [...]
M’aspëto da-i gardetti qu[...]

[p. 4 modifica]

Çinque anni son per bacco! che staggo in to cadeon
E in compagnia di ratti façço conversazion
Sempre aspëtando o giorno de remesciâ un pö a püa
Per fâ deneûvo a Zena sciortindo a mæ figüa:
Quest'a l'è quella votta dunque che resveggiôu
Da-i bravi Foxinanti son da-o Tacchin scappôu;
Scappôu da quella pussa, da quello brutto imbûo,
Dove quarche cæebella appen-na a rompe o scûo;
Con l'obbligo, s'intende, poi de tornâ a creppâ,
Quando aviö visto tutto quello che veûggio ammiâ.
Ho inteizo che per Zena, e mascime in Portoja
Fa maume strepitoze, magnifica bardoja:
Che apparan de damaschi teiti, carroggi, e ciasse
Quest'anno un-n'atra votta pe-a megio de Cazasse;
Vêuggio dî de Foxin-ne, de quelli bravi Fræ,
Ch'han sapûo spende a tempo paole, pappê, e dinæ.
Mi comme Cazassante, Zeneize appascionôu
Per vedde questo sciato dä Foxe son scappôu,
E vegno.... ma cos'ælo lazzù quello mormoggio
De gente, che a balocco veddo sboccâ o caroggio?
Scialla!.. oh mia chi! per bacco! eccola a l'è chi lê,
Sento sunnâ a catubba, za veddo i Granattê;
Gh'è a Banda d'Aosta: presto, fito abbassæ i capelli,
Che posse vedde, e göde mi ascì di ritornelli,
Silenzio, che conmençan... oh belle scinfonie!
Ciocchæghe... a queste scimili mi non n'ho mai sentie.
Miæ un pö quelli giganti, che portan i papali,
Magnifici, stupendi, superbi Pastorali;

[p. 5 modifica]

Che statue, Gexomaja! scometto un pâ de scûi
Contr'un, che questi bulli son doî Cappo-tambûi.
Oh belle quelle cappe, ciù belli i tabarrin!
Reccammi oiginali d'un gusto soprafin
Peccòu! che seggian quelli fæti vegnî de fêua
Se fossan Fæti а Zena costieivan ciù scaggiêua!
Son de graçê d'argento con brocche rilevæ
D'un gusto tâ che proprio bezêugna, che e baxæ.
Bravi! ... no anzi braviscimi, (scuzæme a digrescion)
Che fossan, me creddeivo, andæti torna a Lion;
Ma veddo, che sei sempre zelanti Cazassanti,
Е creddo dive tutto con dive Foxinanti.
Atra veduta... с ose? mia chì S. Giacomin
Sorva un cavallo gianco, che bello gardettin!
Comm'o sta ben! veamente l'han misso in gran tegnûa,
Non han tralasciôu ninte per fâghe fâ figûa.
Che sguasso! ma ve prego fissælo pe' un momento,
Poi dîme se o n'è a rëo tutto vestïo d'argento?
Brille,valdrappa, staffe, tutto l'è recammôu,
Perfin-na o foetto... o sciollo! se o non n'ha mai portôu.
Ma brai, perdingolin-na! evviva i Foxinanti!
Мi ve l'ho dito sempre, che seì... ma andemmo avanti.
Cose l'è tanto sciato? chi son quelli figgiêu
Che cantan? oh che voxi! pa-an tanti roscignêu:
Che bestia! me scordavo do tutto o Pellegrin:
Lascæmeli un pö vedde... che belli gardettin!
Bravi, ciocchæghia forte... ciù bravi i Rætinê,
Ch'han sapûo spande, e spende pe rallegrâ o Quartê.

[p. 6 modifica]

[L]arghi, che chi gh'è a veja, idest o Confalon,
Belliscima pittûa, degna d'ammirazion:
Dæ mente a quelle cappe, a-i tabarrin, a-i Fræ
Coverti in teja d'öu, se no paan tutti indoæ.
Comme van driti tutti! paan päli... belli! boä!
Se anchêu no fan figûa, e quando l'han da fâ?
Chi ven pe-a primma croxe? Son i Tenzoeì segûo,
Ma nò, che ghe rincresce de strofoggiâ o velûo;
A l'è quell'atra ricca ciammâ o Spirito Santo,
Miæ un pö che gimicchia! comm'a sta ben! che incanto!
L'è vëo, che a n'è ciù quella de l'ultima sciortia,
D'argento, e tartaruga da capp'a pê farsia:
Ma pù a l'è bella; e cappe co-i neigri tabarrin;
Miæ se no son vee cille, se no son vëi gnocchin!
Chi ven apprêuvo? caspita! da-e cappe de razon,
Recammæ tutte a sguasso, cô scorza de çetron,
Da-i tabarrin, dä croxe ben travaggiâ, da-i canti,
S'accorze, che a l'è questa de Anime Purganti;
Comme van dûi!... ma zitto, cose gh'è mai derrê,
Che veddo incomprencibile strêuppa de perrucchê?
Çezao, Belloni eccettera, tutti in tegnûa montæ?
Capiscio... devan ëse do Venardì i Pattæ.
L'è vëo per dexe! e in fæti ecco lazzù che spunta
L'atra croxe belliscima intitolâ l'Assunta.
Miæ un pö quello disegno de cappe tutto nêuvo,
Bezêugna de fissâlo lasciâghe i êuggi apprêuvo:
Farsii tutti d'argento son quelli tabarrin,
D'un velûo rosso aççeizo ciù bello, che o carmin

[p. 7 modifica]

«Ma bravi, e poi braviscimi i perrucchê davveì,
«San fâ, quando ghe premme a barba a contropeì.
Annimo, presto presto, Zeneixi, scappellæve,
E a-o Poæ di Foxinanti, a-o CRISTO inzenoggiæve,
Che o l'è chi l'è [sic]... ma bello! che statua sorprendente!
O parla, o ve pâ vivo, se fissi ghe dæ mente.
Oh quanto me sciallie[i]va, quanto me saiva câo,
Se poese un pö arrivâghe, e un stissinin baxâo!
I nostri Cazassanti per fâ ciù bello o Möu,
Per rendighe ciù gloria l'han sotterròu in te l'öu:
Dæ mente a quella croxe antiga, e rinnomâ,
D'argento, e de tartûga comm'a l'è ben laoâ.
Dæ mente a quelle cappe, se n'eì mai visto eguali,
E i tabarrin?... son proprio superbi, e magistrali.
Amixi, semmo a tïo, sento sunnâ i violin,
L'è chi o conçerto scialla! sentimolo un pitti.
Che scinfonie per bacco! dæghia, che a voî ve tocca,
Mi de sentî sunnâve me ven a saiva in bocca.
Eccola finalmente, vardæve a l'è chi lê,
A croxe arçibelliscima fæta da-i Carbonnê.
Che canti! che ricchessa! son tutti a rëo d'argento,
Luxan in moddo tale, che se ghe spëgia drento.
Questa a l'è a Compagnia ciammâ Nativitæ,
O per spiegâme mëgio a secca di dinæ.
Mi non parliö de cappe, non diö di tabarrin,
Savendo tutto Zena, che son sguazzosi, e fin.
Diö solamente, e o diggo, che i carbonnê figûa
San fâ quando l'è tempo, e batte a tutti a pûa.

[p. 8 modifica]

Fan ben... ma quanti lummi! cos'ælo piggia fêugo,
Che veddo, che e Person-ne non pêuan ciù stâ a so lêugo.
Scialla! che l'è chi a Cascia non ghe[sic] d'azzunze ninte,
a l'è coverta tutta de lummi, e de scioî finte;
Vardæ comm'a cammin-na, ma bravi i Carbonnê,
Per fâla andâ ciù fito s'han misso e ae ai pê.
Scappa, che l'è chi a gente, comm'a ven zù a derrûo,
Se quarchedun me vedde m'accoppan de segûo.
L'è tardi; addio Zeneixi, ho tosto perso a voxe.
Addio, sbraggiando o Môu, me ne ritorno ä Foxe.



[p. 9 modifica]
ORA, E GIRO

Nel mentre che noi stampiamo, la Vener. Arciconfraternila sta deliberando il giro di Albaro, ed è il seguente:

Sortirà alle ore 2. 1/2. Pomeridiane; dall'Oratorio, Crosa del Diavolo, Piazza Ospitale di Pammatone, Portoria, Porte Arco, Strada della Расе‚ Porte Pila, S. Zita, Веverato, е S. Francesco.

RITORNO

Da S. Francesco, Beverato, S. Zita, Porte Pila, Strada della Pace, Porte Arco, Strada Giulia, Piazza S. Domenico, Strada Carlo Felice, Piazza Fontane Amorose, Strade Nuove, е Nuovissime, Strada Lomellina, Strada S. Siro, Banchi, Strada Orefici, Piazza Campetto, Scurreria, Piazza S. Lorenzo, Piazza Nuova, Vico Notari, Piano di S. Andrea, Vico dritto di Ponticello, Рortoria, Crosa del Diavolo, e a Casa.


Zena Stampæja Como

Con permiscion.