Ro Chittarrin/In lode de Brighella bellissimo cagnetto

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Ro Chittarrin, o sæ strofoggi dra muza de Steva de Franchi
In lode de Brighella bellissimo cagnetto dell'eççellentissimo Çesare Catañio


[p. 59 modifica]
In lode de Brighella bellissimo Cagnetto dell'Eççellentissimo
ÇESARE CATAÑIO.


Vorræ, Muza, un pò de veña,
Per poreì, ma sença peña,
E con rimma netta e bella,
Dî re lodi de Brighella.

2
Mi de quello non discorro
De Cafosci brutto morro,
D'arlichin xanni compagno
Chi me pâ Simon dro bagno:

3
Ma d'un can, chi pâ uña cagna,
Che in Bologna o in ra Romagna
O saræ na maraveggia
Poei trovâ cosa pareggia.

4
À voreivero descrive
L'è diffiçile con scrive,
Nè un pittô con un pennello
Pœu depenzero ciù bello.

5
Un pei umero e çernúo,
Che à toccâro o pâ un velúo;
Un morrin chi è caffonento,
Chi pâ tento, e non è tento.

[p. 60 modifica]


6
Uña côa de rigorello,
Chi pâ giusto un canestrello,
E ve pâ ch'o faççe un ballo,
Quando o và comme un cavallo.

7
Voî ro vei che sempre o brilla,
E con tutti treppa e axilla:
Ne se pœu zœu mai contâ,
Ch'o ve tire uña dentâ.

8
Un cósin così graçiozo,
Che con tutti o l'è amorozo;
Nè un pareggio poei çercâro,
Che impossibile è trovâro.

9
Ra mattin, quando o s'addescia,
Se ro patron se remescia,
Lesto comme ro foletto
O ghe sâta sciù ro letto.

10
Ghe dà baxi à ciù non posso,
Con re çampe sempre addosso.
Ro patron ra vœu finia,
Basta dighe, passa via.

11
Intr'un canto, lì da rente,
Ciù Brighella non se sente;
S'o ghe dixe, passa chì,
E Brighella torna lì.

[p. 61 modifica]


12
Quello poi che è da laodâ,
Netto comme de bugâ.
Ni per terra ò da i barcoin,
Se ghe veddan pernigoin.

13
Preboggion, çucca, e faxœu,
De sta roba o non ne vœu;
Ma ghe dan seira e mattin,
Çuppa con ro piaxentin.

14
Con quarch'atri bocconetti
De pollastri e piccionetti,
E leggere bagattelle,
De laccetti e sfoggiatelle.

15
Perchè reste ra memoria.
De sto can degno d'istoria,
S'è composto uña cançon
Da cantâ sciù un chitarron.

16
E l'Abate Muxichella,
Comme meistro de capella,
O dovrà mettera in nœutte,
Ò de giorno ò pù de nœutte,

17
Sciù d'un ton chi sæ allegretto,
Chi agge un pò dro giacometto,
E chi poære un'arietta
Co un mescciao de girometta.