Rimme taggiasche/Essortatione a Bellocchio

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Essortatione a Bellocchio
de Steva Rosso
ed. da E.G. Parodi e G. Rossi into Gior. Stor. Lett. da Lig. - IV, 1903.
↑torna a-a lista di atri scriti
[p. 361 modifica]
VI. Essortatione a Bellocchio.

Un servixo vorrea, Bellocchio caro,
Che si na porta dra me Mariora
I ne cantassi esto strambotto amaro,
Che me pesa assai chiù, che grossa mora.
E cantaighe de chiù quella dro Maro,
E fai che barba Antò què de Triora
In gratia mea se posce adormentà
Sorva dro vostro delicao cantà.