Pagina:Studj di filologia romanza 9 1903.djvu/697

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

DEL LIBRO DE LA MISERA HUMA.NA CONDICIONE 687

E quando liei così detto, mi levai ritto in piede dal tenebroso luogo, ove pensando giacea doloroso, e cominciai a cercare la Scrittura, e a veder i detti dei Savi sopra la miseria della vita dell' uomo. E quando bei assai cercato e ve- duto e diligentemente considerato, sì si mosse il cuor mio a pietade e cominciai dirottamente a pian- gere , pensando tanta miseiùa quanta nella creatura dell' uomo e della femmina avea trovato. Ma tuttavia pigliai consola- mento, percbè trovai detto per li Savi, che ninno altro pensiero u- milia così il cuore dell' uomo e della femmina, come in pensare e riconoscere la miseria sua; onde dice un Profeta: In mezzo di te è la cagione percbé ti dei umi- liare. Non andare dunque cercando le cose de' cielo, non quelle della terra, non niuna altra cosa strana; se umiliare ti vuogli, te medesimo pensa. E colui che bene penserà quello che egli è, e riconoscerà se medesimo, se non si umilia, sarà peggio che bestia; perchè si dice del paone, che quando egli leva in alto la coda e vedevi co- tanta bellezza, va molto allegro e superbio, ma, quando volge l'oc- chio alla sozzura dei suoi piedi, immantinenti si umilia e china la coda. Ed io, considerando che l'u- railitade è quella virtù, per la quale l' uomo è più piacevole a Dio che niuna altra cosa, e che è cominciamento e fondamento di colui che vuole intendere al ser- vizio di Dio, secondo che dice santo Bernardo: Per l'umiltà sar-

dicto, si me levay drito in pe de lo tenebroso e doloroso logo unda e' dormia. E si me comenzai a cerchar de la scritura e a guardar li dicti de li savi sovra la miseria de la vita de l'omo. E, quando' e' avi asay cerchao e diligentimenti considerao, si se movè lo cor meo a pietae e incomenzay dirotamenti a pianzer, pensando in tanta miseria quanta in la scriptura e' aveva trova' de l'omo e de la femena: ma tutafiá e' pr[e]yxi consolatiom, perzochè trovay dicti de savy, chi dix[e]am che nexum autro pensamento humilia cossì lo cor de l'omo e de la femena como pensar e recognose la soa miseria. Unde dixe um profeta che in mezo de ti è la caxom, per che tu te po humiliar. No anday doncha cercando le cosse de lo cel ni quelle de la terra ni nesuna atra cossa stranyna. Ma, se tu voy humiliar, pensa in ti mesmo e quello che bem penserà(y) ço che ello è, e' recognoserà(y) bem si mesmo; se ello no se humilia, ello serà pezo cha una bestia, perzoche ello si dixe che ell'è paòm, che, quando ello leva in auto la coa e ello se vè tante belleze, ello va monto alegro e superbo. Ma, quando ello voze li ogi a ly soy pe e velli cossì sozi, incontenente ello se humilia e china la coa e passa la soa alegreza. Unda, considerando che l'[h]umilitae è quella vertue, per la qual l'omo piaxe piu a Deo cha per nesuna atra e che humilitae si è principio e fondamento de quello chi vol intender a lo servixio de