Pagina:Spinnoa L'Ariodante 1655.djvu/54

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


E temmo ch'in trò mannego
Me locciè* rà memoeria,
Cose sarà? provemora:

1. Parpellette addormentę
Ch'ascondei dui belli oegetti,
Che furbètti
Stan per ladri retiræ,
Dechiodeive, e descroví
Ri assassin
Così fin,
Che mirando fan morì.

2. Semme poe, che sei dessiæ
Oeggi belli traditui,
Tutti duí
Femæ* piezo che no fę,
No m'importa zoe un bedin
Barestreme,
Ma miræme
Da rà seira à rà mattin.

Oh bene oh bene. Ire. Oh Caporal sei tù?

Cap. Mamma sei vui? Ire. Son d'essa.
Giá di qui
Si partí
La tua dama, e vien â te
Ed a me
Star digiuna converrà;
Cosí và,
Compratori più non hà
Robba vecchia nel mercato,
E passato
Quel bel tempo d'una volta,
Almen stolta