Pagina:Spinnoa L'Ariodante 1655.djvu/55

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Non fu Irene, per mia fè
A goder quanto potè

Cap. E cosí fà
Donna chi sà.
Che una zovena se piggie
Bello tempo fin ch'á poè
Sò bon prò;
Ma da poè
Se a vien viegia, c[']a s'asbiggie
A levase ré soe voeggie,
Rò malanno, chi l'accoeggie.

Ire. Zi zi

Cap. Sei vui barassio?

Ire. Si, si stringimi pure.

Cap. Cara cosa? mie coe? l'anime* mę?
Reixe cara? pomin? gnocco? pestummo?
Atto che me consummo;
Lascia un pò che te veghe, ah brutta lova,
Arca de vituperij,
Burlame à sta manera?
Perche no voeggio à ti,
Ti me l'hę fæta á mi,
Basta nò dighem'atro, ogniun s'aggiutte.

Ire. Oh Caporale hai pur pigliato il granchio
Impara à dillegiar donna assennata,
Che si sà vendicar quando e sprezzata.

Cap. Và che te possi tù rompì ró collo
O viegla* maledetta.

Ire. Chiunque la fà l'aspetta.
Se per errore
Non per amore
Io mi godei
Ch'importa à me?