Pagina:Spinnoa L'Ariodante 1655.djvu/53

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Scena ottava
Corte.
Caporale, Irene.


Cap. Se no m'inganno in questa parte apúinto
Responde rò barcon dra mę galante,
Darò unna toccadinna,
E sà nò intenderà,
Co rò mié sigorello,
E ghe farò conosce, che son quello

Suona.


Ah, ah sento parlà;
Son lò che son à loego,
Quà ghe doniè cantà [?]
Quella ra qua comensa

O bella nò ciù dormi, nò ciù dormi;

E nò c[']à l'ę descià: à nò ghe caze.
Donca dirò quella'atra;

Vui sei ciù bella assę, che n'ę ra lunna
Tracche tran, tran.

Nò miga: ouia quest'atra.

O fatte à rò barcon standardo d'oro
E mostrami rà via d'ogni bene,
Tù sei rà contentezza d'ogni core
Levami che tu puoi d'affanni, e penne:
Carcioffolà
Se ti coexi dri cori damene da,
Ahi ti no momi[sic], nà.

Oibò l[']ę vieggia: oh questa si và un fanano[sic]
E và giusto à prepoexito,
Mà l[']ę per quinci, ę linci,
Fęta con pointo, e virgula,