Pagina:Spinnoa L'Ariodante 1655.djvu/37

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


sai ben, che non è strano,
Che sian le bastonate
Solita paga al fin del roffiano.

Cap. Cos'oe di roffian? sei vui, non io
(Ah cospetton; besoegna fase temme
A un hommo comme mie
Queste bavassarie?)
Dime un pò bello frę'
Seio con chi parlę?

Zoi. Parlo col Caporale
Bravo come si vede
E di mano, e di piede.

Cap. (ęla unna patienza?)
Nó sei cose dighę'. Se fuissi á Ziena
V'informereivan tutti
Drá vita, e dri costumi
Drò Caporá Trattugo.
Saveressi, che son
Quello figiolla mia
Chi sá trà rá castagna
Co ra zampa drò gatto,
Quello pescio ferio,
Che no gh[']e ra magagna,
che liè nò descrovisse
Chi rá tegniva in barba á chi che sę,
Chi portava ciù arme, che pescię,
Insomma quello can descadenoù,
Che non gh'era fregadda
Ch'ao manco ò no gh'intrasse pe ro vadda

Direivan ch'ogni donna andava in sugo
Solo à mirà rò Caporà Trattugo,
E che all'incontra ogn'hommo,