Pagina:Spinnoa L'Ariodante 1655.djvu/36

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Che certi maligni
Ti ridano in volto
Con finti soghigni,
Poi spinti da zelo
Per farti beato
Ti bramino in Cielo?
Non posso tacere
Io vuò mormorare &c.

Ch'io veggia le donne
Star sempre allo specchio.
Oh Caporale?

Cap. Rà man caro patron. Zoi. Io ti saluto.

Cap. O anzi lei, la me fà gratia sempre,
Diggo serto, n'accadde,
La copra; orella ninte?
S'á voe quarcosa, onde che posse, e voere
A se serve dé mí,
Come de cosa sò (besoegna faghe
Serti Sallameleche, e staghe ben,
C[']ò l'ha unna lengua in fi, chi taggia e cuxe,
Che n'é moę tà bellezza)

Zoi. Mi fai troppo carrezza.
Ma dimmi per tua fè caro fratello,
Quanto temp'è, che non ti è stata scossa
Dá gl'omeri la polve, ò dal mantello?

Cap. Cos'orei di pà vui?
Oh, oh rá sa fa vermi
Ste sciù ri vostri termini;
O se nó deschiareve
Preche mi nò v'intendo.

Zoi. Fermati io non t'offendo