Pagina:Spinnoa L'Ariodante 1655.djvu/38

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Chi ghe frugasse ninte d[']in trà mira
Cazeiva li de poira.
Ve mostrerò con questa
Sinquadea groriosa
Chi sę sto fusto; allon;
(Mi sò che l'è potron)
Caza man à rá spa. Zoi. Tanto rumore?

Cap. Presto c[']à me bellettega

Zoi. La mia spada è la lingua
Io con questo combatto, e non pavento

Cap. L'è unna spà, chi ferisce à tradimento.
Ovia t'oeggio ascanà.

Zoi. (Voglio toccar del suo valor le corde
can ch'abbaia non morde) or metti mano.

Cap. (Oimè l'ho stuzegoù, rá bella poira.)
Frę caro un pò à bell'axo.
Aspietę che l'aranco.
Cose diao gh[']e steto?
Ro sangue hà fęto ruze.
(Oh dio se poresse fuze.)
No rà posso tirá; me pà che cave
Bestentę chi, vaggo á piggià ra chiave.

Fugge.

Zoi. Questi sono i valenti
Ch'abbaian da lontano,
E son pronti di pié, più che di mano.
Non son tutti Paladini
Quei, che portan ferro à fianco
Molti son, ch'han del Gradasso
Non nel braccio, mà nel passo.