Pagina:Spinnoa L'Ariodante 1655.djvu/30

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Che fai? Cap. Moero, strangoscio.

Ire. E qual doglia ti assale?

Cap. Bruxo, comm'un eretico mastin,
Hò rò foego landrin.

Ire. Certo me ne sá male,
Fermati Caporale; io vado al fonte
Per ammorzar la fiamma.

Cap. Eh che l'ę ra me damma,
Chi m'hâ misso rò foego in tro gippon,
Si a me lascia bruxà
Senza descretion;

Ire. Io pure ardo per tè,
Mà tù ti prendi a gioco
Non curando il mio foco
L'amor mio, la mia fè
Io pure ardo per tè.

Cap. Oh questa l'ę da scrive a rò Poiestæ;
Ma à divera in zeneize, ò bella figgia,
Un'amò desdentoù nò me roziggia.
Voeggio un amò, chi mangie dro bescoetto
Che nò posso havei tiesta
A governaro a forza de pan coetto.

Ire. Dunque tù mi disprezzi?

Cap. N[']e za bella comà,
che nò voeggio accattá.

Ire. Ah Caporal. che sotto il crin di neve
Mongibello d'amor talora avvampa

Cap. Però si ben nò gh'ę d'oerio in tra lampa
(Se fuissi ra mæ damma) bonna noette
Nò porræ miga di,
Pre mi ghe poei tossì.

Ire. (Voglio burlar costui, già ch'ei mi sprezza