Pagina:Spinnoa L'Ariodante 1655.djvu/29

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


E un hommo comme mie
Ti l'hæ fæto sàtà comm'una lippa.

Ma tæ l'ę chi rà mamma,
Chi fà lie assí dra Damma
E si a m'hà dito ch'a me voe gran ben,
Ma mì ch'ho zà de miegio
Questo sò tanto amò me dà de viegio.

Ire. Ben che già carrichi
D'anni sian gl'omeri
Amar vogl'io;
L'età decrepita
D'amar piu prattica
Non dà mentiti
Vezzi ed affetti,
Má saporiti
Porge i diletti.
Sinche si può
Godere io vuò,
E che sarâ?
Che si dirá?
Fragilitá, fragilitá.

2.
Sotto le ceneri
D'un crin, ch'imbiancasi
Arde il cor mio,
E ben che tremuli,
Pur soavissimi,
Se non mordaci,
Almen più grati
Sò dare i baci
Sù i labri amati.
Sin che si può &c.

Oh Caporale amato