Pagina:Spinnoa L'Ariodante 1655.djvu/31

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia



Dunque vaga giovinetta,
Che ha sul volto un vago Aprile
T'invaghì

Cap. L'ę così.

Ire. Dunque è ver, che un bel sembiante
Dolcemente il core in seno
Ti ferì.

Cap. L'ę' così.

Ire. Or dimmi Caporal, chi sia costei,
Ch'io per farti felice
Tutti voglio adoprar gl'inganni miei.

Cap. Promettei d'agiuttame?

Ire. Io te'l prometto.

Cap. L'ę quella bella figgia
Così bonombriosa,
Chi hà doe masche incarnatte,
Dui oeggi che ghe luxan,
E mirando pertuzan;
Chi hà un nazin prefiroù,
E una bocca de succaro rozoù;
Quella Lichinna in somma.

Ire. Non mi dir di vantaggio,
Sò di chi parli; ella da me dipende,
Ed io già sò, che di te vive amante

Cap. Aspietæ; ve darò ro paraguante.

Ire. Nò, nò non vuò mercede,
E perchè tu conosca
Ch'io ti voglio servire,
Vientene a l'imbrunire
Ch'io farò, che tu parli à la tua Diva

Cap. Viva ra mamma Ire./Cap. E viva.