Pagina:Rime.diverse.1612.djvu/186

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Ro nostro chi è parlá da Chrestien
O no pò lieze, e puoe ro Griego fosco,
Ro Spagnuoe, ro Franceize o l'ha intre moen

Questa cosa onde ven?
Perche nissun de nuì scrive no semo
Quattro parolle, che non toscanemo,

Pá che se vergognemo
Dra nostra lengua, che è verguoegna grande,
E che tá opinion de nuì se spande,

Miré che nissun mande
Zeneize in stampa un verso in ra so lengua,
Ma su re muse Tosce o se deslengua;

E puoe se o se perlengua
Feto che o l'haggie, a vui pensá ro lasso
O sonetto o canzon, che non vá un sasso,

Che o buetta a cassafasso
Fraxe Zeneize, e parolle toscanne
Ch'a ro verso, a ro son poeran Campanne,

Aò che gente Paganne
Lassan de cré in ro so bon Parnaxo,
Per un'atro seguine abbrettio, e a caxo;

Haora con ro cuoe baxo
(Che no pò con ra bocca, chi no re hà)
Dro Foggietta re rime ch'o lassà

Liè no se rebellà,
Ma pe ro so Messié Zeneize Apollo