Pagina:Rime.diverse.1612.djvu/187

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


O l'haveré impegnaò ro feriollo,

E si o n'era babollo,
Ch'o no savesse elieze ro so miegio,
Anzi l'era un gran savio, e dotto viegio:

Pigievero per spiegio
Vuì, che di, vengo, a viegno, & hoggi, a ancuoe,
Ch'hoggi ve viegne un cancaro intro cuoe;

Aspieterei da puoe,
Che ve deggian stimá ri forestié,
Se vui ve dé dra zappa su ri pié:

Prové in nome de Dié
Ei* beive intri Bezagni, e intre Ponseivere,
E lassé un poco andá l'Arno e ro Teivere,

Za che ri havei, goveivere,
Che storbio chiù no pisserei, ma chiero,
E spesso che chiù importa, e non de rero;

Nissun no sarà lero,
Perche questi Toschen, questi Puetetti,
Veggo, che zuegan tutti a trionfetti;

Se semene sonetti
Haora de cento no ne ven su diexe,
Cosi vegniran su come cereixe;*

Mi ne ho feto siexe
Tra heri, e ancuoe, se ben fossa ogn'un stima
Che dighe zo per scarsitê de rima;

Ma sacchié ch'ho unna lima,