Pagina:Rime.diverse.1612.djvu/179

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Voì ch'heì venna de scrive tanto in quinta
Femene beive un gotto, e ve ne priego,
O quassesè vendeimene unna pinta



DIALOGO.


CHE ve fazze un sonetto? in come[n]sé.
Quanto ve creì, che deggie staghe a pruevo?
Un di a ro manco. Haora mi ve descruevo
Per un balordo, e per un pappachié.

Nè manco un quarto d'hora. Voi burlé.
Ve parrà giusto, che mi chiorle un'oevo?
Per veì questa provessa non me moevo.
Non v'accorzeì, che son za a ra meité?

Sté pù a veì ro fin, che me contento
Voì, che di, ch'un sonetto non se puoe
Faro de pié. L'ho dito, haora me mento.

L'homo, che è homo fé quello, che o voè;
Direi chiù, che me spremo, e che ghe stento?
Questo chi n'è un sonetto, eh pá Batuoè?



Vuoeggio fá un sonetto per capritio,
Guarde come so andeto a incomensaro,
Con tutto so bezuegna liveraro
Per non mostrá d'haveì poco giudicio:

Ma questa rima fastidiosa in icio