Pagina:Rime.diverse.1612.djvu/180

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Sara* caxon non solo de pessaro,
Ma fossia, e sara* piezo, de strassaro,
E mandá questi versi in precipitio;

Taxei ch'ho feto ra testa, e ro busto
Ghe manca solamente haora ri pié,
Puessia o sarà compio, e sarà giusto

Fazzo pù ri sonetti vorentié,
Perche me pá cosi, che gli* haggie gusto;
Veivero chi, ch'o va zà da per liê.



Se chi ve mira s'abarluga, e strinna
Bella porsé* ben di che seì ro só;
Ma se da vuì ne veggo nascie amó,
Vuì sei ra viera stella matutinna.

Ma seè* lunna con mi che voea, e pinna
M'amermé, m'auesei* gusto, e doró,
Perche ancuoè n'ho da vuì chiù d'un favó,
Doman me fé re gronde in traversinna

Come ro só bruxeme, a* innamoreme
Come Venere pù, l'ho per fortuna;
Ma per piete*, quando me veì, mireme;

O quando l'un va sotta a l'ere brunna,
Con ro piaxei de l'altra illuminame;*
E cosi in tutto imiterei ra lunna.



Voi, che de tutti haveì chiù bella rama