Pagina:Rime.diverse.1612.djvu/178

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Per fá cercando Amó de l'humorista
Perdeì ra liberté che havé con meigo,
Donna m'innamorà subito vista
Se ben má vorentié ro collo chieigo:

Certa ch'a fui, ch'era personna avista
E m'accordeì per servitó con seigo
Vegnì puoe spendioù, ni feì mue* lista;
Cosi va, chi s'impaccia amó con teigo?

Non zà ch'andasse in chiazza con ra sporta,
ma in robe, in ori, in quanti, eque, e zibotto*
Spendeiva, e in atre fechie d'esta sorta;

Ma più visto a ra fin, ch'era un fanetto
Da pueì montá de gioù,* de donna accorta
A m'elezè per cameré segretto.



Per fá un sonetto, che sé un pó godibile
Bezuegna haveì gran tiesta, e bonna venna,
E voreighe doggiá da puoè ra schenna
Voi, Chiazza, in queste cose e sei terribile.

Ma a chi non vè con ri oeggi, e l'è incredibile
A di, che posse fá mieza dozenna
De sonetti in Zeneize de più* senna,
Cosa per mié pareì squexi incredibile.

Mi mue nò ne fazzo un, che viegne intriego,
Ch'o ghe bezuegna sempre, o piezza, ò zointa,
Onde dentro componnero [...]