Pagina:Ricci 1080-2.djvu/37

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


de mostrà a tò pietè
manchereiva à ti ra via
ne stareiva sepellia
ra tò larga, e gran bontè.

22.
Ti veì Puoere gratioso
quanti lazzi noette, e dì
L'Inimigo vitioso
per piggiane attende chi,
e se l'hommo fere li
degno o l'è dra tò pietè.

23.
Questa carne gran forza ha
chi ro spirto serca offende
e battaggie liè ghe dà
tanto spesse, tanto grende
ch'o[1] spirto in fin se rende
se ti aggiutto non ghe dè

24.
Se te muoeve Christo à sdegno
re pechè dri rubadoin
de pietè per contra è degno
quello ben, che fan i buoin
che non den per i gittioin
patì quelli, che han bontè

25.
Exaudisci e tuoè sposè
che à cantà re laude tuoè
stan serrè da virtuose
e odò santo mandan fuoè
che aura te pregan da cuoè
che ti guardi esta sittè

26.
Quelle muen, ch'han zà creoù
e partio i elementi,
e che in croxe han sopportoù
chi per nuoi tanti tormenti

  1. chi gh'amanca 'na scillaba, defæti no ghe doviæ ese 'n apostrofo davanti a l'articcolo (G. Musso)