Pagina:Ricci 1080-2.djvu/36

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


de pecchè fassemmo chie
che fan nuoì degni de morte
e dro corpo spirto assie
se ti vuoè che sen punie
giustamente castighè.

17.
Ma ra tò pietè che è grande
monto ciù dri nostri errouì
chi te fè ro sangue spande
per cavane da doruì
e in Pareiso mette nuoì
defenda aura sta sittè

18.
Ti con l'o[e]ggio dei guardà
de pietè, che ogn'atro avanza
ti t[']e pù degnoù creara
in tò mesma semeggianza
e in ti solo emmo speranza
e in ti solo Zena crè.

19.
Cremmo in treì, che son tutt'un
e un solo e vero hommo, e Dè
chi morto è per ben commun
si ha creoù ra Terra, e sè
e le mesmo ha à cuoè lè
ro qua fin non haveà muoè

20.
De nuoì proprio è ro peccà
nuoette, e dì de corpo, e mente
e di ti o perdonà
à tutt'hommo chi se pente
per che ti è tanto clemente
quanto ingrati nuoì mortè

21.
Se non fussan re pecchè
che femmo tuttavia