Pagina:Ra Gerusalemme deliverâ.pdf/203

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

54
Lê saveiva ogni cosa con çertezza,
Perchè a l'aveiva çento miria spîe,
E dell'armâ a saveiva con prestezza,
S'a stava ferma, o fava dre sciortîe;
Oltre de che a n'aveiva segurezza
Zù da Ciappin, chi gh'era sempre lîe;
Sichè ro spaventaggio a mette in parte,
Donde ghe pœu zovâ l'inganno, e l'arte.

55
Poco lontan a te ghe misse un paggio
Con vestimenti indosso da villan:
A dette ra lezzion a sto sonaggio,
Che tutto o l'eseguì de man in man:
Questo o foì chi portò poi ro contaggio
A ri vostri guerrê, sicchè cian cian,
Poco a poco vegnin gagge de matti,
Fra lô vivendo comme chen e gatti.

56
In veì ri vostri quello corpo morto
Dissan quest'è Rinaldo, e o l'è per çærto,
Gofredo gh'ha pù fæto un brutto torto!
Ma ro pacciugo poi fu descoværto,
Che d'Armida era questo un tiro storto
Per fâ ro sò negozio ciù coværto.
Aoura sentî comm'a l'ha trattegnûo,
Rinaldo, e cose poi gh'è intrevegnûo.

57
A te l'aspêta questa maledetta
Deppoî d'un canto: lê per sciorte arriva
Sorve l'Oronte, donde un'Izoretta
Forma l'ægua, ch'a l'ha intorno a ra riva,
O vè un pettaffio, o vedde uña barchetta,
Che ger[sic] passâ de là giusto a serviva:
O fissa l'œuggio in quello marmo, e presto
Scrîto in lettere d'oro, o lêze questo.

58
Oh ti, che chì ti accapiti in ste bande
O no voggiando, o apposta, ferma là:
Se maraveggia ti vœu veì ciù grande,
Che a ro mondo ghe sæ, passa de çà:
Lê goroso de veì queste mirande
Cose nœuve a imbarcâse presto o và,
E perchè no bastava a ognun sta barca,
Lasciæ ri paggi, solo lê o s'imbarca.

59
Sbarcaoù ch'o l'è de là, tutto sciallante
O va per veì, ni vedde ninte affæto,
Fœura che grotte, scioî, ægue, erbe, e ciante;
Tanto che o credde in stoppe d'aveì dæto,
Ma pù ro lœugo è pin de grazie tante,
Ch'o l'innamora, e o resta lì desfæto.
O se leva d'in testa l'armadura,
E o se cincia dell'ôra a ra frescura.

60
Verso ro sciumme in tanto l'œuggio o vôze,
Sciumme chi fava un ramadan dra pesta,
E o vedde che se vôze, e se revôze
Un'onda sott'e sorva, e tutta assesta
O vè spontâ uña treçça (oh belle cose!)
E apprœuvo uña garzoña trugna, e læsta,
Tutto scoverta da ro mêzo in sciù,
Gianca comm'Alabastro, e ancon de ciù.