Pagina:Ra Gerusalemme deliverâ.pdf/200

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

33
Che fœura dro sò letto a vâ allagando,
E a và ciù presto ch'uña scciupettâ:
Mentre ghe dan dell'œuggio, un venerando
Vêgio se gh'appresenta all'impensâ,
Uña tonega gianca strascinando,
E de fœugge de Fò ra testa ornâ:
Questo mœuve uña trappa, o gh'intra drento
E a pê sciuti o ghe va comme ro scento.

34
A re Fiandre così spesso suççedde,
Quando d'uværno se fa tutto giaçço:
E grendi, e piccenin schittâ se vedde
Senza dâghe una votta dro mostaçço,
Così con ra virtù che lê possedde
Sciù l'ægua o camminava a franco passo,
E presto o l'arrivò donde a lê fisse
Davan sguardæ sti doî, dappœu o ghe disse:

35
Amixi, un’osso duro aveì piggiaoù
Da rozziggiâ, chi n'è pr'i vostri denti:
Quello, che voî çerchæ l'è là intanaoù,
Donde andá no se pœu solo a gren stenti.
Figgi cari, preghæve pù dro sciaoù,
Che da corrî avereì eternamenti:
E chi çerchæ, se pù vorreì trovâ,
Ciù in là dro mondo ve bezœugna andâ.

36
Ma gh'andereì. Vegnîvene frattanto
Commeigo int'ra mæ grotta chi vexiña,
Che da mi savereì poi tutto quanto,
Perchè possæ ingorâ sta gran meixiña.
In sto dî, con imperio da gran santo
O tocca l'ægua con ra trapettiña:
L'ægua dro sciumme subbito a sparisce,
E uña montagna aværta gh'apparisce.

37
Lê ghe da man, e o te ri meña sotta
Dro sciumme per un mondo de strazetti;
O gh'era scuro, e senza testa rotta
No ne saræn sciortîi manco i peccetti;
Ma camminando sempre ciù dessotta,
Trœuvan d'ægua bellissimi zughetti,
Fontañe, fontanette, sciummi, e laghi,
Che s'un l'è bello, ri âtri son ciù vaghi.

38
Trœuvan donde ro Pò prinçipia, e donde
Idaspe, Gange, Eufrate, Istro deriva,
Donde tent'âtri sciummi, e a re profonde
Lontañe vie dro Nilo ancon s'arriva:
Trœuvan sotta un Rian, ro quâ diffonde
D'ægua, e de sorfi uña minera viva,
Che poi ro Sô raffiña, e st'elemento
Poco a poco o ro cangia in oro, e argento.

39
Veddan re sponde intorno recamæ
Tutte quante de prîe re ciù preziose,
Che pareivan da un fœugo illuminæ,
E favan cære quelle grotte ombrose.
Lì zafiri e rubin in quantitæ,
Lì topazzj, lì perle spaventose,
Lì ri smerâdi a quarte, e ri diamanti
Grossi comme seolle tutti quanti.