Pagina:La settimana religiosa1894.pdf/39

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

53

La Settimana Religiosa

BEN. – E mi ghe a daggo aoa perché intrôu in casa mæ, comme ûn laddro, de nascosto.

COMM. – Querela per violato domicilio, volete dire.

BEN. – Scignor sci, querela do domicilio.

BAST. – E mi accûso Benardo d'aveìme rotto a testa con a forma de scarpe.

COMM. – Zitto voi. In tribunale non si parla senza essere interrogati. Siete colpevoli tutti.....

BRIG. – Mi noe....

COMM. – Volete tacere? Se no, vi faccio legare.

BRIG. – No, no, sciâ no s'incommode. Taxo.

COMM. – Siete colpevoli tutti, e, un dopo l'altro, darò a ciascuno il fatto suo. Comincio appunto da voi (a Brigida). Voi siete una madre balorda. Avrete la buona intenzione di ben educare e custodire vostra figlia, ma non vi riuscite punto.

BRIG. – Perché a no m'öbedisce e a fa a dottôa.

COMM. – State attenta. Se avete a lamentarvi perchè, coll'essere infarinata di qualche studio, si è insuperbita e si è guastata col frequentare la scuola, perchè l'avete voi ciecamente lasciata andare a scuole guaste? Frequentare con cattive compagne? Leggere libri che rovinano testa e cuore delle ragazze, quali sono i romanzi moderni, per non dire di libri peggiori?

BRIG. – Ma mi no i sò distingue i libbri.

COMM. – E fateli vedere a chi ne sappia più di voi.

BRIG. – Ma mæ figgia a l'ha tanta coæ d'istruîse e a l'ha a testa bonn-a eh! che a se-a batte magara con oscià, s'a parla in virgola.

COMM. – L'istruzione soda, vera e buona è cosa santa; e i genitori sono obbligati a procurarla ai loro figli; ma scuole e maestre e professori possono essere di due sorta; e una buona madre deve considerare a quali scuole manda la figlia sua e a quali mani la affida. – E questo che dico a voi, madre, intendo sia detto qui anche al padre di questa ragazza. I buoni genitori devono anche vegliare che le figlie non prendano relazioni pericolose.

BRIG. – Mæ figgia a no n'ha relazioîn cattîe.

COMM. – Voglio crederlo, ma al pericolo vi si è messa, per poco giudizio suo e per incuria dei genitori. Almeno quel che fu vi serva di lezione per l'avvenire. – Ora a voi, ragazza.

BEN. – Sciâ ghe sbragge comme va.

GIGG. – Mi son vegnûa pe dâ querela.....

COMM. – Perchè vi ho chiamata. Quando io parlo non devo essere interrotto. – Voi fate la dottora, ma siete una scervellata. Una istruzione superficiale, senza base di religione, quale si dà nella scuola che voi avete avuta la disgrazia di frequentare, ha empita di fumo e di superbia la vostra testa e l'ha lasciata vuota di vera istruzione. Vi credo onesta nei vostri intendimenti e nella vostra condotta, ma l'ambizione di togliervi dallo stato in cui la Provvidenza vi ha messa, vi fece dare facile credenza alle promesse di un imbroglione. Una figlia assennata non tiene trattative segrete con alcuno. Se un giovine si presenta a farle lusinghiere proposte, gli dice: Andate a parlare con i miei genitori, e tosto si ritira.

BRIG. – Finn-a chì o te dixe ben, Giggia.

COMM. – Dunque lo scorno d'essere stata burlata giovi anche a voi, e il vostro esempio a tante altre teste leggere come la vostra. – Adesso darò corso alla vostra querela e farò giustizia di colui che è di tutti il piû colpevole. – Avanzatevi, Sebastiano Briccone.

BAST. – Questo o non é o mæ cognomme.

COMM – È però quello che meritate. Voi siete accusato dalla qui presente Erminia o Luigia Pifferi d'averla ingannata con false promesse, mentendo il vostro nome e la vostra condizione.

BAST. – Che prêuve a prodûe?

COMM – Testimonii e carta.

GIGG. – (presenta un foglio) Ecco chi a scrïtûa ch'o m'ha fæto.

COMM – Poi voi siete abbastanza noto alla giustizia e pregiudicato. Si conosce tutto il vostro passato. Tuttavia sentiamo i testimonii. Bernardo, che dite di costui?

BEN. – Ch'o l'é in cattîo pappê, in poco de bon, degno d'ëse appiccôu e poi misso in galëa. L'ho trovôu ascöso in casa mæ in te l'armäio do formaggio. E ho diritto che no me vegne in casa gente che no conoscio e de nascosto.

BAST. – Vostra figgia a m'ha aværto.

BEN. – Se mæ figgia a l'é ûnn-a balorda, pëzo per lê e gh'ho zâ fæto brûxâ a pelle ciû d'ûnn-a votta; ma voî seì stæto o primmo a fâghe vedde bisce baggi.

BAST. – E d'aveìme inciagôu in ta testa....

BEN. – Me rincresce de non aveìvela scciappâ comme ve meitâvi.

COMM. – Olà, non veniamo a questioni in tribunale. Ho domandato il vostro parere sulla moralità di costui e non altro.

BEN. – Ebben ho dito e ripeto ch'o l'é ûn mascarson e ûn biforco matricolôu.

BRIG. – E ûn laddro....

COMM. – Di questo non vi sono prove. Che vi ha rubato?

BRIG. – O saviä lê.

COMM. – I sospetti non si ammettono in tribunale.

BRIG. – Ma ch'o l'é ûn maifabene, in avanzo de galëa, questa a l'é veitæ sacrosanta. Se sciâ no me credde, sciâ o domande a sò sêu a Zabetta, ch'a m'ha accompagnôu fin chì e a l'é de là nell'anticamia.

BAST. – A ghe mancava lê, quella lengua de battoëzo.

COMM – Usciere.


Scena sesta.
USCIERE, poi ZABETTA e detti.

Usc. – Comandi.

COMM – Che passi la Elisabetta, quella donna che accompagnò costoro, se è nell'antisala.

ZAB. (entrando d'impeto) – Son chì mi.

COMM. – Molto pronta.

Usc. – A stâva a aggueitâ e a senti da-o pertûso da ciave, e no poeìva tegnîla inderrê.

ZAB. – Segûo, e voeiva vedde o mæ giûsto, e a voî cöse ve n'importa?

Usc. – Parlæ con rispetto, che son in divisa seì?

COMM. – Voi andate di là (l'usciere esce), e voi, Lisabetta, rispettate gli agenti pubblici e la loro divisa.

ZAB. – Oh, mi no son ûnn-a ciattellosa; sò tegni a lengua a segno; ma che me rispettan. – Brava Brigida. Ho sentio tûtto, seì. Eì parlôu comme ûn libbro stampôu. E tremmâvi de presentâve a-o Commissäio!

BRIG. – Montando a scäa tremmâva davveì, ma poi me son fæta coraggio.

COMM. – Hanno finito loro signore di far conversazione?

ZAB. – O ne dà de voscià, Brigida; brûtto segno. - Sciô Commissäio son a-i sò comandi.

COMM. – Lisabetta, conoscete voi quest'uomo?