Pagina:La settimana religiosa1894.pdf/40

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

La Settimana Religiosa

54

ZAB. – Saeìva mëgio per mi e per quanti son chì che no l'avescimo mai conosciûo.

COMM. – È vostro parente prossimo?

ZAB. – Pe mæ disgrazia o l'é mæ fræ.

COMM. – E così francamente vi mettete contro di lui?

BAST. – Ti senti, böxarda? Anche o sciÔ Commissäio o t'ha conosciûo pe ûnn-a lengua d'infærno.

ZAB. – A mi böxarda? A mi lengua d'inferno? A mi ti dixi? Sciô Commissäio, sciâ me fasse mette a man in sce qualunque de sti pappê e libbri che sciâ l'ha davanti, che son pronta a zûâ che l'é vëo quello che diggo. Bastian o l'é mæ fræ, sci, ma me verghêugno che o segge.

COMM. – Dite quello che ne sapete e che interessa la giustizia, ma in brevi parole, veh!

ZAB. – Mi parlo sempre cûrto. In due paole me sbrigo. Questo mandilâ fin da piccin o n'ha mai ösciûo fâ de ben. O s'é misso a tûtti i mestê e o non é riûscîo a stâ in nisciûn lêugo; o l'ha giôu mëzo mondo façendo o pellandron, o ciarlattan, o paggiasso; o l'é càrego de peccôu ; o l'é fäso comme l'anima de Giûdda, pe ingannâ o proscimo. O sà questa pövea figgia, che vesce o ghe n'ha contôu sine fine; e presto anche sò padron e o figgio de sò padron se n'accorziàn do bèllo astô ch'han in casa. Ho dito assæ e se non é vëo quello ch'ho dîto, öriæ ëse....

COMM. – Zitto, lasciate le imprecazioni da parte. Imputato, che avete a dire in vostra difesa?

BAST. – Son böxardaie; o l'é venin chi a fa parlâ.

ZAB. – E taxi, pesso de tûtto zù, dunque te sgranfigno.

COMM. – È inutile negare la vostra cattiva condotta. Se anche queste donne non avessero parlato, qui (mostra un grosso libro) sui registri della polizia sono scritti i vostri meriti passati.

ZAB. – T'ë ûn birbo matricolôu e t'hæ i pappê brûtti, tûtti o san.

COMM. – Tutte le testimonianze sono a vostro carico; e questa carta, scritta di vostra mano, manifesta le vostre imposture. Ora sentitene la lettura: « Mia Erminia diletta. Se voi consentite ad essere mia, io « vi giuro sull'onor mio.....

ZAB. – Onô? O no n'ha mai avûo.

COMM. – « ... che vi farò ricca e felice. Le mie ricchezze « non possono numerarsi...

ZAB. – L'é vëo. Quello che no gh'é no se conta.

COMM. – « ... Io barone...

ZAB. – Pe fâ de baronate o l'é nûmero ûn.

COMM. – « ... nobile Commendatore, Marchese di...,

ZAB. – Marcheize co-e stacche pinn-e de peixe.

COMM. – « .... vi comunicherò i miei titoli..... » e basta così che il resto non merita d'essere letto. Conoscete questa vostra firma? Florindo Frigoli Marchese di Radicòfani.

ZAB. – Sentî, Brigida, o re di Còfani? Sciô Commissäio o l'ha farsificôu nomme, cognomme e titoli. O se ciamma Bastian di Ciamberlini. Sciâ ghe dagghe ûn cäso de derrê e sciâ o mande in Calicûtte.

COMM. – Sareste troppo discreta, dopo tante accuse. Già le donne sono tutte lingua e nient'altro. Florindo o Bastiano è reo convinto d'avere ingannato con false promesse questa giovane.

BAST. – Mincionn-a lê che a se l'ha creddûe.

COMM. – E l'avete perciò pregiudicata nella fama presso coloro che la credevano giovine accorta e giudiziosa, Dunque un reato c'è, reato di simulazione, di falsità e d'inganno. Ed è altro reato l'esservi nascosto in casa altrui dando fondato sospetto di male intenzioni. Il Codice vi condannerebbe ad un anno di carcere ed una multa da pagarsi alle parti lese.

BAST. – E a mæ testa rotta?

COMM. – Avere la testa rotta è circostanza attenuante. A voi, Bernardo, non era lecito farvi giustizia di vostra mano. Si ricorre ai tribunali. Perciò le spese di medicatura sono a vostro carico. In conclusione: Io condanno Sebastiano dei Ciamberlini a tre mesi di carcere e lire 500 di multa da pagarsi a Luigia Pifferi.

BRIG. – No bastan, sciô Commissäio, armeno 1000.

COMM. – Non ispetta a voi fare queste osservazioni.

ZAB. – Scibben, se vedde che o sangue o non é ægua. Pöveo mæ fræ: o l'é un mascarson, e o se merita a prexon e a galëa: pûre aoa o me fa compascion.

BAST. – Ah sci neh! Aoa te rincresce doppo aveime rovinôu co-e tò parolle! Aoa ti cianzi! Lagrime de cocodrillo, ch'o se mangia a gente e poi o e cianze morte. Ma sciortiö d'in prexon e t'aggiûstiö ti e a Brigidon.

BRIG. – Sciô Commissäio, pe caitæ, sciâ no-o lasce ciù sciortî d'in prexon, che manaman o n'ammassa tûtti.

ZAB. – No ghe pensæ, Brigida. Mæ fræ o non é capaçe de fâ mâ a nisciûn. Da caladda o ne sa fâ, ma poi o n'é manco bon a ammassâ ûnn-a prûxa. – Sciâ digghe, sciô Commissäio, se ghe porrieiva mandâ a quello pöveo däio in prexon ûnn-a strapunta e quarche cösa da mangiâ?

COMM. – Potete farlo. Ma pocanzi così adirata con lui e ora tutta compassione?

ZAB. – Cöse sciâ vêu, mi son fæta coscì; se m'attissan, guai; ma poi son de bon chêu. Ho sbottôu, me son sfogâ, aoa poi me ven da cianze, perché mæ fræ o l'é. Voî cöse dî, Giggia?

GIGG. – Mi ho deciso de mette testa a cadèllo. A lezion d'anchêu a me serviä pe sempre; no vêuggio ciù fâ a dottôa, né ëse insolente, ambiziosa e disöbediente, ma figgia sottomissa, virtuosa e casalinga.

COMM. – Ottimo proponimento. Siate in esso perseverante.

GIGG. – Sciô Commissäio, se mi e i mæ genitori ghe perdonascimo a Bastian, sciâ porrieiva retiä a sentenza?

COMM. – Può essere.

GIGG. – Dunque mi ghe perdonn-o de chêu e prego o sciô Commissäio ad aveì pietæ de lê. Poæ, moæ, cöse di?

BEN. – E mi ascì ghe perdonn-o.

BRIG. – Mi noe.

ZAB. – E via, Brigida.... Meschin, se o va in prexon o perde l'impiego e o resta a pan domandôu.

BRIG. – Ebben pe amô vostro perdonn-o mi ascì.

COMM. – Dunque è fatta grazia a Sebastiano: torni al suo padrone e tutto sia finito.

In sce-a fin de Carlevâ
Questa grazia a se pêu fâ.

FIN DELL'ATTO TERZO ED URTIMO.
P.L.P.

CRONACA VATICANA Le rappresentanze delle Parrocchie di Roma in S. Pietro – Discorso del Papa. – Domenica 28 come era già stato annunziato, il Santo Padre ha celebrato la Messa nella