Pagina:La settimana religiosa1894.pdf/38

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

52

La Settimana Religiosa

BEN. – Questa cûra? cöse öriä dî?

COMM. – Voglio dire se il peso dell'educazione è tutto appoggiato a vostra moglie.

BEN. – E scignor sci. Ma quarcosa fasso mi ascì.

COMM. – E vostra moglie è questa vecchia qui?

BRIG. – Comme vecchia? Non ho ancon un cavello gianco, ho ancon tûtti i denti, e se sciâ vêu scommette a chi cöre ciù, mi ghe scommetto. O me dixe vëgia! Vëgia a mi!

COMM. – Dico a voi, Bernardo, e voi dovete rispondere, Questa è vostra moglie[?]

BEN. – Pe mæ disgrazia, scignor scì.

BRIG. – Benardo, ti pêu leccâte e dïe d'aveì ûnn-a donna comme mi.

BEN. – Via, no t'arraggiâ: l'ho dîto pe rïe.

BRIG. – (Vëgia a mi! E scì che lê o l'é ûn zoënotto! O l'ha a fede de battæximo camoä ciù che a mæ).

COMM. – A voi, brontolona, come vi chiamate?

BRIG. – Brigida, a-i sò comandi.

COMM. – Di quale casato siete?

BRIG. – Oh bèlla! da casadda de mæ maio, Pifferi.

COMM. – Che pazienza! Domando il cognome di nascita.

BRIG. – Ma allôa sciâ doveiva dîme de che casadda ëo, e non de che casadda son; e gh'aviæ sûbito risposto, di Rigagnoli. Casadda antiga eh!

COMM. – Sicuro, quanto la pioggia.

BRIG. – E i mæ vëgi aivan di tibi-södi; guägnæ onestamente però. Ma mæ poæ, requiesca, o l'ha avûo tante desgrazie, che o s'é ridûto a-o verde. E pe questo meschin, o l'é stæto obbrigôu a mettise pe garson da-o Frûga, o bûtteghinê là verso Sarzan. Sciâ l'aviä conosciûo. O l'ëa quell'ommo grande ciù che mi, rosso in faccia..... con ûnn-a brigoa grossa in sce-o naso....

COMM. – Ma a che servono queste chiacchere. Dite il nome di vostro padre.

BRIG. – Berto Gian-Stea, perché o n'aveiva duî nommi, quello de mæ messiavo e quello de sò poin. Pe nommiägio ghe dixeivan o Rompiscatoe, perché quando arrivâva in negozio de casce de sûccôu e caffè, o padron o ciammâva sempre lê pe descciödâle.

COMM. – Voi quanti anni avete. Dite la verità.

BRIG. – I ho giûsto compii o giorno da Sanscion[1]. E tûtti i anni, quello giorno, allêugo l'êuvo da mæ gallinn-a, perché sciâ saviä voscià che sciâ l'ha stûdiôu, che l'êuvo da Sanscion o no marsisce, e o porta ben a chi ghe passa sotto, mettendolo in çimma a ûnn-a porta. Chi passa sotto l'êuvo da Sanscion, no pêu andâ in perdizion, dixe o proverbio. E i proverbii son giûsti.

COMM. – E voi siete una seccatora. Ma quanti anni avete finiti?

BRIG. – No vêuggio di böxie. Vëamente no me ne ricordo. A fede de battæximo l'ho in casa in to bancâ. Ma se ghe faiä sûbito o conto. Mæ moæ a me dixeiva sempre che quando son nasciûa lê a l'aveiva vintiçinque anni. E l'ëa de domenega, a mëzogiorno.

COMM. – Che giova saper questo?

BRIG. – Sciâ me lasce finî; sciâ veddiä che giova. Mæ moæ a l'ha dîto de sci o primmo anno do colèra a Zena e a l'aveiva vintiduî anni precisi.

COMM. – Dunque siete nata del 1840 e ora avete 54 anni.

BRIG. – Sciâ me scûse; sciâ s'intendiä de fâ o Commissäio, ma de conti sciâ no se n'intende ann'acca. E ghe pâ che mi segge ûnn-a donna de 54 anni? Se n'aviö 45 saiä o mascimo. Ma no devo aveì manco questi, n'é vëo, Benardo?

BEN. – Mi no sò dî ätro che da ti a mi gh'é[sic] passa ben poco tempo. Per mi i anni crescian; per ti forse no cresciàn. Se andemmo avanti coscì, fra poco tò figgia a te passiä avanti in ti anni.

COMM. – Forse sono 10 anni che dite sempre d'averne 45.

BRIG. – Sciâ deve saveì che mi no son de quelle donne che in te cöse dîxan ûn pö a ûn moddo e ûn pö a ûnn'ätro.

COMM. – Oh, finiamola. Scriverò solo 50. (Scrive cantarellando):

El io che il ver sapere non potea,
Andai scrivendo il meglio che sapea.

E voi, Erminia o Giggia?

GIGG.– Io? 17.

BRIG. – Ti n'hæ dixêutto, ben ciocchæ.....

COMM. – Non vi scaldate se la figlia imita la madre.

BRIG. – (Basta ch'o me dagghe sempre torto o l'é contento).

COMM. – Brigida, sapete voi i doveri di madre?

BRIG. – (A Bernardo: Aoa ghe semmo: te l'ho dito ch'o diä coscì? Ma no dûbitâ, che ho piggiôu coraggio, e a lengua in bocca a me stà ben). Armeno, sciô Commissäio, creddo de saveili.

COMM. – E tra i doveri di madre da voi ammessi, c'è quello di custodire bene le figlie, massime quando sono giovani e di poco giudizio?

BRIG. – Scignor sci, e no fasso pe vantâme, ma ghe ne saiä poche moæ che se m'assomeggian in questo.

BEN. – Chi poi non é comme a question di anni. Sciâ s'assegûe, sciô Commissäio, che in questo a dixe o vëo.

BRIG. – E pe-i anni ascì ho dito o vëo. Benardo, l'é ûn pesso che non emmo quistionôu ; ma se ti m'aççimenti, te rispondiö anche davanti a o Commissäio.

COMM. – Zitti lì. Ditemi voi: lasciare sole le figlie in casa quasi tutta la giornata si chiama custodirle?

BRIa. – Capiscio cöse sciâ vêu dî con questa interrogazion congestiva[2]. Ma sciâ me stagghe a sentî. A oscià a-a fin do meize ghe portan a sò paga in tanti plurimi sêunanti e ballanti; ma a mi, pövea donna, no gh'é nisciûn chi me ne porte pe un castellazzo. Ogni giorno se litiga o disnâ co-a çenn-a. O mæ ommo meschinetto o laoa quanto o pêu, ma i guägni d'ûn savattin son pochi, e se no m'inzegnasse mi ascì de fâ servixi e guägnâ quarche scaggia, saivan êutto giorni pe settemann-a che besêugniæ fâ croxette. Posso dunque stâ sempre in casa a cûstodî mæ figgia? Se ghe staggo quando posso, e ghe capito d'in tanto in tanto all'improvviso, pe acciappâla in sce-o fæto, se öcorisse, comm'ho fæto stamattin, creddo d'aveì soddisfæto a-o mæ obbrigo. De mæ figgia però, no fasso pe dî perché a segge a mæ, ma me ne posso fiâ.

COMM. – (con ironia) Oh sicuramente! Dite, conoscete voi quest'arnese? (accennando Bastiano).

BRIG. – Da stamattin in sà, che l'ho trovôu ascöso in casa mæ.

COMM. – E di vostra figlia potete fidarvi!

BRIG. – Ma mæ figgia a non é in corpa, e ansi a gh'ha dæto querela perché o voeiva ingannâla.

  1. L'Ascensione di Nostro Signore.
  2. Suggestiva.