Pagina:La settimana religiosa1894.pdf/37

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

La Settimana Religiosa

51

di scciaffi ben meitæ, e aoa a l'é de là immoronâ! E me formigoa proprio e moen; ne faiæ tanti menissi.

BEN. – Aoa carmite via. Se o Commissäio o ghe daiä ûnn-a remansinn-a comme va, forse a mettiä giûdizio.

BRIG. – Coscì foîse. Ma tant'è, questa de doveì andâ da-o Commissäio no-a posso colâ. E ti veddiæ che ghe ne saiä pe noi ascì. O ne diä che non emmo allevôu ben nostra figgia e che no-a semmo cûstodî. Ma s'o tocca questo tasto, ti sentiæ cöse ghe saviö dî. O sò mi, e ti o sæ ti ascì, pïveo ommo, cöse s'é fæto pe allevâla ben. De prediche se ghe n'emmo fæto! E cattivi exempi no ghe n'emmo dæto mai. No me regordo che in sò presenza se segge mai dîto ûnn-a parolla fêua de mezûa. Te-a chi ch'a l'arriva.


Scena terza.
GIGGIA e detti.

BRIG. – Vegnî, vegnî, che t'ë o nostro desönô.

ZAB. – Giggia, fæ a mæ moddo, domandæghe scûza.

GIGG. – E de cöse?

ZAB. – E ve pâ poco asconde ûn ommo in casa, e coscì fâ ciammâ vostro poæ e vostra moæ da-o Commissäio?

GIGG. – Sta a vedde se a l' é colpa mæ. Vostro fræ o m'ha dæto da intende ch'o l'ëa quello ch'o non é, ûn gran scignor, e che innamuôu di mæ talenti, do mæ spirito, o voeìva spozâme. E mi pensâva de fâ a mæ fortûnn-a e quella di mæ genitori.

ZAB. – E con ëse tanto dottôa, ve l'eì sciorbìa a questo moddo. De bèlle paole mæ fræ o l'é capaçe a dâvene di sacchi. Ma son tûtte poule e nint'ätro.

GIGG. – No son sole parolle. A promissa o me l'ha fæta in scrïto, e se son stæta mincionn-a a creddighe, aoa vêuggio ch'o me-a paghe. Sacciæ dunque che son mi che gh'ho dæto querela in giûstizia e l'é pe questo che semmo ciammæ da-o Commissäio.

BRIG. – E quande ti gh'ë stæta da-o Commissäio?

GIGG. – O piggiôu o zeneize cädo. Mentre voîätri mangiâvi zù in cuxinn-a, ho visto da-o barcon che Bastian, zà che Bastian va, e o non é ciù o sciô Florindo, o l'intrâva, là in fondo da stradda, da-o Commissäio, e mi, visto no visto, ghe son corrîa apprêuvo comme ûnn-a fûria. L'ho trovôu ch'o dâva querela chì a-o poæ pe-a botta piggiâ in ta testa, che o gh'ha ûn borlo chi mette puïa, e mi gh'ho dæto a lê querela d'impostô.

BEN. – E mi ghe daiö quella de violazion de domicilio, ch'o l'é intrôu in casa mæ sensa mæ licenza a ingannâ mæ figgia. Se-a veddiëmo. Aoa sò e cöse comme son. Non ho ciù puîa d'andâ da-o Commissäio. Finarmente ti n'hæ fæto unn-a de ben.

ZAB. – S'a l'é coscì, me rincresce ch'o l'é mæ fræ, ma a giûstizia avanti tûtto, poeì insciste perché o segge condannôu a pagâve ûnn-a bèlla somma pe-i torti ch'o v'ha fæto.

BRIG. – E dove o-i piggia i dinæ, s'o no n'ha, comme eì dîto stamattin?

ZAB – Se ghe fa sequestrâ a paga do sò impiego.

BRIG. – L'é vëo! Che donna che seì voî! Aviæ piaxeì che ghe foîsci voî ascì da-o Commissäio, che ghe saviësci descorrî ben.

ZAB. – All'ûdienza no se pêu intrâ se no s'é ciammæ. Faiö coscì, pa contentâve. Vegniö con voî e me fermiö in sala, e se ve riesce de fâme intrâ in discorso, e fâme ciammâ, allöa intriö e diö quello che no savieì dî voîätri.

BRIG. – Ma brava, Zabetta; fæmo coscì.

BEN. – Via dunque, andemmo, che dozz'öe l'é tanto che son sêunnæ e saiä tosto ûnn'öa e da-i Commissäi besêugna ëse puntuali.

BRIG. – T'hæ inteizo, neh! Giggia, cöse ha dîto chì a Zabetta? de fâse pagâ pe l'impromisse fäse ch'o t'ha fæto. E poi t'accattiö ûn pâ de pendin d'öu, se piggiëmo tanti dinæ.

GIGG. – Aoa sei vegnûa ûmia eh! moæ? Via dunque andemmo.


Scena quarta.

(Sala d'udienza del Commissario).

COMMISSAIO, BASTIAN e poi l'USCIERE.

COMM. – Insomma voi avete tutti i torti, se sono vere le accuse che vi si fanno dalla ragazza Pifferi.

BAST. (colla testa legata) – Signor Commissario, e non tien conto delle percosse ch'io ho ricevuto dal Bernardo suo padre?

COMM. – Ben le avete meritate. Non si va in una casa a far trattati con una giovane di nascosto dei suoi genitori. Il fatto vostro equivale ad una violazione di domicilio. Certo il Pifferi non doveva passare a vie di fatto, ma bisogna tener conto della vostra provocazione, della sua rozzezza e dell'essere in casa propria ove voi vi eravate illegittimamente intruso.

BAST. – Ho capito; mi tocca il danno e le beffe.

COMM. – Colpa vostra. E aggiungete che voi siete già noto alla giustizia e pregiudicato per altre marachelle passate.

BAST. – Ma, signor Commissario.....

COMM. – Basta così. Sensa[sic] la presenza di tutte le parti contendenti, non si può fare un giudizio (Suona il campanello).

Usc. (entrando) – Comandi.

COMM. – È in sala la famiglia Pifferi?

Usc. – Eccellenza, sì.

COMM. – Entrino.

(L'usciere introduce la famiglia Pifferi).

Scena quinta.
BENARDO, BRIGIDA, GIGGIA e detti.

BAST. – (Ancon d'assæ che con lö no gh'é mæ sêu.)

BRIG. – (entrando a Bernardo: Mîa, mîa, che filosomia ha sto Commissäio).

BEN. – (Sitto, ch'o no te sente).

COMM. (a Bernardo) – Avvicinatevi. Chi siete voi?

BRIG. – O bèlla questa! Sciâ n'ha mandôu a ciammâ con tanto de pappê e sciâ no ne conosce?

COMM. – Pettegola, tenete la lingua a posto, altrimenti...

BEN. – E taxi, son e interrogazioin d'ûso.

COMM. – Rispondete dunque, uomo; dite il vostro nome, presto.

BEN. – Benardo Pifferi condan Baciccia.

CoMM. – Quanti anni avete?

BEN. – Circa træ vintenn-e.

COMM. – Dunque sessanta.

BEN. – Se commensa a sciûsciâ e poi in ta settantenn-a s'assetta.

COMM. – Che mestiere fate?

BEN. – O savattin; ma travaggio anche de nêuvo, se posso servîlo...

CoMM. – Sapete i doveri d'un padre verso la propria figlia?

BEN. – A-a bèll'a-a mëgio, me pâ de saìli, ma sciâ sacce che mi ghe staggo poco in casa.

COMM. – Dunque questa cura voi la lasciate tutta alla moglie.