Pagina:La settimana religiosa1894.pdf/36

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

La Settimana Bstigiosa

50

remmo mai dal ripetere: Domine ut videam; Domine ut videaml Se dunque noi sappiamo e crediamo che Gesù Cristo è venuto al mondo illuminare his qui in tenebris et in umbra mortis sedent, e che in con seguenza desidera, vuole illuminarci spiritualmente, dalla spirituale cecità liberandoci, che è cagione di tanta rovina, perchè non si eccita in noi eguale, anzi maggiore e più ardente brama di fare a lui ricorso? Perchè non lo supplichiamo noi incessan temente; Domine ut videan l Signore, ch'io vegga il sentiero della verità, che da ogni errore mi sgombri? Domine ut videam l ch'io veda ed intenda le massime della perfezione, sicchè ne rimanga per suaso ed innamorato? O cristiani, pensiamoci seria mente, chè se l'errore ci s'insinua nella mente e non siamo solleciti a toglierlo via subito, a poco a poco si fa sempre più grande, e noi senza accor gercene brancichiamo nelle tenebre, e di errore in errore cadiamo giù nell'abisso d'ogni male. Valga ad insegnarcelo il seguente Esempio. – I Manichei erano eretici che am mettevano due principi siccome due Dei autori di tutte le cose; l'uno del bene, che è propriamente Iddio, l'altro del male, che sarebbe il demonio. Essi non trascuravano alcun mezzo per far dei seguaci. V'era un cattolico che dava molto in impazienza contro le mosche che lo infastidivano continua mente. Questi fu visitato da un manicheo, al quale parlò della molestia che riceveva e dei motivi che gliene venivano di trascendere all'ira. Parve allora al manicheo di aver trovato una occasione favore vole per insinuargli il suo errore, e quindi gli disse: Chi credi tu che abbia creato le mosche o L'altro, che ne sentiva tanta noia, non osò rispondere che fosse Iddio. Se non le ha create Iddio, soggiunse il manicheo, chi dunque le avrà create? Suppongo, rispose il cattolico, che sarà stato il demonio. In sistette di nuovo il manicheo, dicendo: Ma se il demonio ha create le mosche, chi avrà create le api che sono un poco più grosse? Dopo aver detto che Dio non aveva create le mosche, non ebbe co raggio il cattolico di asserire che avesse creato le api. Il manicheo prosegui ed estese sempre più il suo argomento: dall'ape passò alla cavalletta, che è di nuovo un poco più grossa, dalla cavalletta alla lucertola; da questa alla passera, dalla passera al l'aquila, al montone, al bue, all'elefante e finalmente all'uomo medesimo, e conducendo in questa ma niera il cattolico di errore in errore, e di abisso in abisso lo persuase e gli fece realmente credere che Dio non aveva creato l'uomo. Questo fatto è raccontato da S. Agostino, il quale ne conchiude: « Le cose piccole conducono insen sibilmente alle grandi, quando non si troncano su bito i loro funesti progressi. » Il perchè noi dob biamo fervorosamente pregare Iddio affinchè ci tolga le tenebre dell'errore dalla mente e illuminandoci colla luce di sua infinita sapienza ci salvi da tutti quei mali cui ci trascina la nostra spirituale cecità. Diciamogli dunque col cieco di Gerico: Domine ut videam, Domine ut videam. P.E.M. – e->3 --- A FIGGIA D OTT 6A. (Continuaz e fine al n. 1 pag. 41) –s->---x-----

ATTO TERZO.
(In casa di Bernardo).
Scena primma.
BENARDO e USCIERE.

BEN. - Han piccôu: chi ghe saiä[?] (va ad aprire).

Usc. (entrando) – Sei voî, Bernardo Pifferi?

BEN. - Proprio mi, tûtto in t'ûn tocco. E coscì?

Usc. - D'ordine do sciô Commissäio seì çitôu a comparî a ûnn'öa doppo mëzogiorno, oscia, comme dixe o papê, alle ore tredici, davanti a lê, con vostra moggê e vostra figgia.

BEN. - Mi no sò cöse ve dî. Mi non ho da fâ ninte con o Commissäio de poliscia.

Usc. - Tanto mëgio per voî, ma intanto doveì comparî.

BEN. - Ma cose gh'é de nêuvo?¨

Usc. - E mi sò assæ. Ghe veddieì. Chì gh'é o pappê da çitazion (lo porge). O mæ doveì l'ho fæto. Addio (parte).

BEN - Meschin de mi! Me mettiàn ancon in prexon? Io me faiàn processo pe-e botte ch'ho dæto a-o Bastian? Ma s'o se e meitava. Brigida, Zabetta, vegnî presto sciù.


Scena segonda.
BRIGIDA, ZABETTA e detto,

BRIG. – Cöse gh'é de nêuvo? Chi é vegnûo?

BEN - Oh! questa no me l'aspëtâva davveì! Son ûn ommo rovinôu.

BRIG. – Ma cöse t'é intervegnûo, pöveo mæ ommo?

ZAB. - Cöse gh'é mai, Benardo.

BEN. – Quella poscitoëse de figgia a l'é a causa de tûtte e nostre rovinn-e.

BRIG. - Mascarsonn-a; a vêu fâne moî de raggia e de magon. Ma parla. Cöse gh'é?

BEN. - Unn-a grande disgrazia. Insomma mi, ti e lê semmo ciammæ davanti o Commissäio de polizia. Ecco chì a çitazion ch'ha portôu aoa l'usciere. A non è grossa? E dev'ëse pe aveì tiôu a forma de scarpe in ta testa de Bastian.

BRIG. - Poscibile? Gente onorata comme semmo noî fâ de queste figûe! Ëse ciammæ da o Commissäio. Ëse scöxii da tûtto o vexinato. Mi non ho mai montôu quelle scäe e sperâva de no montâle mai in vitta mæ. O dixe ben o proværbio: Finché s'ha denti in bocca, no se sa cöse ne tocca. E tûtto pe quella figgiûssa chi no vêu mai öbedî ai sò genitori. Ma ti ascì, Benardo, scûzime, ti doveivi in pö moderâte, e no tiâ e forme de scarpe in ta testa a-a gente.

BEN. - E chi se poeìva tegnî a-o moddo ch'o m'ha aççimentôu? Me rincresce, Zabetta, perché o l'é vostro fræ.

ZAB - Pe questo non eì da afflizzive. O torto o l'é o sò. Ma sentî, Benardo. Seì seguo d'ëse çitôu pe-e botte dæte? Mi penso che o Commissäio o vorriä dâ ûnn-a lavata de testa, in vostra presenza, a vostra figgia e a mæ fræ pe-o poco giûdizio che mostran tûtti duî.

BEN. - Ch'a segge coscì? Squæxi me persûado. Benedetta voî, che me ritornæ in vitta, se mai a finisce presto e con poco mâ.

BRIG. - Sci, ma intanto a brûtta figûa d'andâ da-o Commissäio besêugna fâla; e pe corpa de quella scorlûssoa. A l'é proprio da rëo! Eì visto. Gh'emmo dæto