Pagina:I pastoi a-o prezeppio1897.djvu/13

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

ATTO PRIMMO
(Bosco).

SCENA PRIMMA.
Giaxo solo.


Bello capriçio ch’è satòu in t’a mente
Dell'impeatô pe disturbâ da gente.
O pretendiæ conosce o conto riondo
De quanta gente vive in questo mondo.
Almeno coscì dixan: mâ mi ho puìa
Ch’a scie per fâ pagâ unn-a furberìa.
Per fâ dinæ cose s’inventan mai!
E tutto cazze addosso ai pövei diai.
Veamente a l’è unn-a cosa chi fa raggia,
Doveìse presentâ a quella canaggia
De scioì scannapapê do sciô Cirin [1]
Ch’acchêuggian södi a-a barba di mincioin.
Ho vendùo a vacca per pagäli lö,
Che per mi a vaiva ciù che l'impëatô.
Bezêugna aveì pazienza e daghe là,
Per no fäse vegnî di sbïri in cà.
Basta per mi son scrito, e mi ho pagòu
E torno a casa comme un can bagnòu.

  1. Il censo ordinato dall’imperatore Augusto, presso gli Ebrei fu eseguito dal preside Cirino.