Pagina:Comici.schiavi.djvu/78

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


dro peirin[sic], un pe ro poere grande, o ghe và tutto, cose oeggié di? che re donne voeran havei sempre da poeise crovi con quarche scusa, e se cazan voeran poei mostrà che ro carcagnetto era rotto. No bezoegna spaventase de chiere brusche, che ro Diao no è cosi brutto, com'o se depenze; e fà giusto ro meximo farò[sic] un pezzo d'artaggiaria, chi se spare per ammazzà, come quello chi se spara per fà allegrezza. In somma per favera curta, e longa ve metto ra sostantia chì tutta in tro fin; a re donne non ghe piaxe, che ri hommi fassan continentie solo ballando.

Mez. La dis ben Minetta, o la dis pur ben, perche ol saraf pur ol gran merlott' chi podess' star in conversation con una bella zovenotta, e non ghe dess' un basin n'è vira consolation de quest'amartellato, e crivellato cuore.

Min. Voeto andá sciù unna chiatta, mostasso soraou de doeggie de panza.

Rad. Ah lettioni più facili ad insegnarsi, che ad apprendersi.

Mez. Ah, ah, ti fè della pastorella? mò mi second la tò lettion à torncon più ardiment', e digg' che voras esser una bell'ora per mordert' un pocchettin sto bello barbarott, luce de gl'occhi m iei.

Min. O che sì che te fasso portá dri me segnè; stà ancoè á vei.

Rad. Mira gente invidiabili à un Rè.

Mez. In somma à m' resolvo de dar la battaria general à voi che la veda ca son bon