Pagina:Comici.schiavi.djvu/77

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


che m'immobilitò, de esserle discaro, ch'io l'habbia trattata da un cielo? Giuroti Minetta, ch'io viddi in quei bei occhi star i fulmini sulle mosse per chi havesse tentatoo più oltre, che d'adorare. Ah, che se le belezze come le sue inalzando la mente abbattono la volontà, i miei pensieri atterrati à tanta Regina non doveano levarsi in piedi senza suo espresso consentimento.

Mez. Orsù à sem' intrà sù i fior, frond, lurb, ombr, antr, ond, aure, suif, con trucchi i trionfi del Petrarca, ann'havem fin à sta sira. Minetta fal finì prest' ch'al hò fam.

Rad. E poi non bisogna, che tu faccia conseguenza di Daraida dall'altre, ch'ella non è come l'altre.

Min. E ve diggo de sí che l'è come ri atre, ni ciù, ni manco: orei dimero à mi, che ra vesto, ra desp[o]eggio, ghe destendo r'impastoere, gh'impo i rebusti, ghe metto re natte, e gh'appareggio fin a re . . . . . me l'ei ossua ancoè fà di: dro resto se á cavo d'esse grande, e grosso, hei anco bezoegno de vegnì à ra me scoera, tegnive à mente sta lettionetta. Re donne no dixan moè de sì solo quande se marian. Voeran esse arrobbè, e da poè lo mesime t'oeran esse ra forca: son come ri mieghi, fan dro schitiporri intro piggià dro sevo, mà mireghe ra man ve l'apparan, son come un figioe desvitoù, chi n'oeggie mangià ro pan coetto "ou mi no ne voeggio, mi n'hò coè, no ro posso traonne[sic]" á ra fin un boccon per amò dra moirinna, un pe re brughe