Pagina:Comici.schiavi.djvu/76

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


e com' ol nemig' se n'è andà, all'hora ghe ven voia de menar le man.

Min. O l'è chi Messier Papacciè: appareggieghe una camixia da muasse ch'o ven da caccia: tegnivero caro sto bracco chi no sá piggià manco unna levore intro giasso.

Rad. Addio amici quanto v'invidio la conversation di Daraida, che discorrevate seco per vostra cortesia?

Min. E dixeimo che sei un'Orlando.

Mez. Sì int'el cervel, ma non int'el cuor.

Rad. Parliam donque della mia Angelica.

Min. Me pà de sí, che ra trattè da Angelica, che no ve sei incallou manco toccara. Bella cosa andà à caccia de quaggie, e tornà con re muen pinne de mosche, chioeve re lazagne à baseffe, e no di manco d'arvì ra bocca? cose havessi vui puira pogonetto? dra mora?

Mez. Fermeve, ch'à sto porposit' à voi dir un bel pass' dell'Ariost.

Min. Come puello esse bello, se l'è passo? mi sento pù che se dixe passo, quando quello, chi s'hà in man nò è gueri bon.

Mez. Ol dis così ch'è un vituperio espress' convenient' à un hom' de stucch: che così bella somma con vù stess', e vù tegniss' po l'alt', com'el cucch.

Min. Appointo da faghe coco intro morro: nà v'asseguro che gh'ei feto unna ruscía da schiopetè.

Rad. Voi prendete giuoco di me, così appunto fassi co miseri, del resto se la presenza di Daraida mi rapì l'anima ad un'estasi