Pagina:Comici.schiavi.djvu/79

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


scolar: Minetta à m' sent' sforzà á sforzart?

Min. E mi à rompete ro morro à son de pugni.

Mez. Pian diavol: guarda un pò, che prodecer: mò che s ive darm' i preffet de prosontion, se pò ti no'l vò ch'ei osserva solament' tra'l me mostazz', ei soccozzon? com' voto, ch'el Sior Radamisto impare ben la lettion, sol no la vede messa un pò in att' prattic'. Ne' vira Sior Radamisto?

Rad. Vedi Minetta argomenta da ciò che fai tu con Mezzettino, ciò che haverebbe fatto Daraida.

Min. Te crei mette con vui sto masche de pò . . . fami, e le cose che di vui, che sei li purio com'un speggio, gianco come un fiocco de neive, con quelli oeggi dagaressi, cose ve manchereiva se fussi un poco chiu intrante.

Mez. Ah, ah: tant' che con costù ti no faressi tant la schizzinosa? mò serra i occh' lu dirà che l'è lù, e si po sarò mi.

Rad. Eh Minetta, se Daraida mostra di sprezzarmi per questo son iscuse. In somma io sò, che ad una Principessa grande, qual ella è, non ponno dispiacer gl'atti di riverenza; mà non mancan prestesti à chi altrove hà vosto il pensiero Patienza per una Daraida mi sarà ancor gloria, che le Stelle m'habbian scelto à penare. Basta, ch'ella non troverà mai chi la meriti più di me, se le cose celesti si meritan col'amore.

Mez. Al me fa andat tutt' in brodett' de compassion, Minetta à pianz uh, uh, uh.