Pagina:Comici.schiavi.djvu/73

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


sareiva steta cosa sospettosa se Alteran, chi è Corsá dro Rè de Tunesi, se fuisse vegnuo à fermà in Tripoli per fara netta, consertàn questa capoccia, de di che foera de Mezzettin, e de Alarco, o voeggie di de Radamisto l'era futo un chi fava ro Napolitan, per havei scusa de fermase chì fin ch'o sarà trovoù. Vala così Mezzettin?


Mez. Ti ghe lasci' el mior el mi bel musin d'or.


Min. E cose?


Mez. Che mi n'ho saput vergotta de sta storia solo adess' adess' che me l'ha dit Radamisto, che del rest' mi l'ho havù sempre per un schiavù com'haviva dit' Alteran. Chi fuss' fuzì con nolter.


Dar. Ci è altro?


Mez. Mo conspett' de Messier Bartolomé da Bergam' al ve par poc quest'? Un Rè delle Zerbe s'è resso ud per farve serviss de montar fin in palc'à far il Comendiant', e tant' no'l ve basta? In fin vù sì un bell'humor, havì una natura de capellina, che n'ho mai vist la plù fantastica. Che ne dit ti Minetta?


Min. Ti vei cose voe di serví à queste damasse? spelleve, scortegheve, metteive à rosto, à lesso, in pancoetto, in broetto per daghe quarche impimento, à tutto ve torsa ro morro, sempre Maria reversa non ghe trovereiva ra stiva quello chi hà feto ra carta dro naveghà. Se ti no re cortezzi morri longhi tré canne: se ti ghe fè ra vitta d'attorno oime che assidio. Se ti no te cacci avanti, oibò che gallinna bagnà. Se