Pagina:Comici.schiavi.djvu/74

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


ti fè dell'ardio, mirè chi voè mette ra proa à ro moe. Batteighe pù ra Dianna in ciassa quando dorman: piggiere á ballà sciù tutte re feste: cianteveghe dritti à contemprare, come ro voto de Coronà: meneghe de noette in strada ri primi muxichi; feghe sentí sotta ri ciù prinsipè instrumenti de Zena. In fin butteve in forma de gatto, & andè in panson come re biscie per satisfare sei de longo à ro pei martin. Ghe pà che quello parmetto merite tutto, e che con quattro lire d'oggiè sei paghè de quante insente gh[']ei moè feto in tutto l'anno.

Dar. Voi altri v'alterate credo per farmi ridere. A me paion grandissime le finezze che usa Radamisto in amarmi, se ben chi giudicasse da Donna non da Regina, come faccio direbbe, ch'egli poc'anzi in quel bosco, dove io cacciavo, mostrò meco freddezza, più che finezza.

Mez. Come può esser quest'? S'ol l'esala semper Mozibell' da l'afflitto, traffitto, e moribondo core? Ah cruda amarilli?

Min. Fatt'in là, che ti no me tenzi, acconsa lavezzi: feme un piaxei, com'è andetto questa facenda? stà à vei, che sto baecca haverà havuo l'oxello all'era, e no l'haverà sapuo fè buttà.

Dar. Io non posso certo se non lodarmi, ch'ei mi fece ogni atto di riverenza.

Min. Se ri atti di riverenza son quelli, chi fan doggià Galateo vatt'appiccà.

Dar. Del resto qualche donna di conditione privata direbbe forse, che mentre il suo