Pagina:Comici.schiavi.djvu/72

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia



Dar. Di come vuoi.
Mez. A' digg' per tornar à proposit che V. S. ha da saver, ma in somma cos'mò la vorau saver?
Min. O ti me riesci chiù grosso che un seppo da marxellà.
Mez. De quij donde se mette sovr'la carn de Vacca Minetta n'el vira?
Min. No t'hò dito, che ra Reginna voè savei da ti come và rà cosa de questo comediante futo, che Alteran hà dito à ro Rè, che l'è un Napolitan, e Alarco hà dito à rà Reginna che l'è liè.
Mez. Mo non te l'oia dit à ti per la strada?
Dar. Hà ragion Mezettino in non voler replicarlo tanto: dimmelo tu Minetta.
Min. No me creiva, ch'o se straquasse così à ra prima. Oura sentì, che ve metto in man ro cao dro lumisciello. Da p[o]é che Alteran hebbe piggioù ro bregantin dri Comedianti, unna maretta, chi se misse, ro fè retirà intro porto dre Zerbe, donde o l'andà à visità ro Rè Radamisto so amigo, chi era inamorao de vui, come savei, e o ghe disse ra preisa ch'o l'havè feto. Radamisto per tentá con vui ra so fortunna, fassandose promette, bocca busciora da Alteran se travestì, e se fè condù[sic] trà li[sic] atri Comedianti digando Alteran, che l'era un schiavo so amigo, chi se ne vorreiva fuei[sic], perche li a rè Zerbe l'era matrattoù, e o pregà ló che dixessan, che l'era liè assì un Comediante drà so compagnia, e o s'è cangia* ro nome de Radamisto in quelo d'Alarco, ma perche